Strage Nizza, riconosciuta la prima vittima italiana COMMENTA  

Strage Nizza, riconosciuta la prima vittima italiana COMMENTA  

Si chiama Mario Casati ed è il primo italiano, riconosciuto formalmente dalla famiglia con avvenuto riconoscimento formalizzato dalla polizia francese, della strage di Nizza. E’ stata la Farnesina a confermarlo, nella serata di ieri, mentre il Paese è ancora sotto shock a causa della preoccupazione legata alla possibilità che fatti di questo tipo possano ripetersi.

Leggi anche: Due anziane accoltellate a Gerusalemme. Attacco terroristico secondo polizia

Anche il premier francese Manuel Valls lo ha dichiarato sottolineando che “Siamo in guerra, certo una guerra non convenzionale ma pur sempre una guerra” e che ci potrebbero “essere delle repliche”.

Nel corso di un’intervista a Bfm-Tv, ha poi invitato il Paese a ‘non spaccarsi e non dividersi’ in quanto è “proprio quello che cercano i terroristi.

Leggi anche: Giordania, chiusi confini Siria e Iraq. Sono stati dichiarati zone militari

Ha infine assicurato che la Francia “vincerà sull’Isis”. Ad oggi sono 14 le persone che, in seguito all’attentato del 14 luglio, lottano tra la vita e la morte.

Prende sempre più forma intanto l’ipotesi legata alla premeditazione dell’attacco avvenuto sulla promenade della città.

Leggi anche

Re del marketing regala volo per tornare a casa a Natale
Attualità

Re del marketing regala volo per tornare a casa a Natale

Un imprenditore che pensa alle famiglie che non si potranno riunire per le feste natalizie. L'imprenditore ha deciso di regalare il volo a chi non può permettersi di viaggiare.   L'imprenditore con il suo lavoro era riuscito ad accumulare  350mila miglia aeree, nell'ultimo anno. E quindi, Peter Shankman ha deciso, di aiutare chi è in difficoltà. Peter ha prima distribuito un pò di miglia nella sua famiglia e ne ha date altrettante al suo assistente, dopo chi ha preso la nobile  decisione  di regalare il restante a chi non conosce. Quindi, utilizzando Internet, Peter Shankman, l'esperto di  marketing,   ha donato Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*