Strana creatura trovata sulla spiaggia in Russia: “sembra un mammut delfino” COMMENTA  

Strana creatura trovata sulla spiaggia in Russia: “sembra un mammut delfino” COMMENTA  

Una strana creatura è stata ritrovata morta sull’isola di Sachalin, nell’Estremo Oriente russo.

Gli studiosi stanno cercando di capire ed ideantificare la strana creatura, lunga 2,40 metri: al primo sguardo sembrerebbe trattarsi di un delfino. Ma questo animale possiede una pelliccia e un grosso becco. Gli scienziati devono ancora identificare lo strano ‘mutante’, che ha delle somiglianze con un delfino, ma è due volte più grande di un essere umano.

Leggi anche: 15 meravigliosi cani non hanno bisogno di un letto per dormire


Trovato sul litorale vicino l’aeroporto di Shakhtersk a Sakhalin Island – un posto più vicino agli Stati Uniti che a Mosca – la carcassa insanguinata è squarciata, svelando l’ossatura sottostante. Le immagini pubblicate sul Siberian Times mostrano chiaramente quelli che sembrano essere lunghi e spessi peli sulla pelle della creatura, una caratteristica che ha lasciato perplessi i biologi marini.

Leggi anche: Dormire con il proprio cane o gatto fa bene o male?


Le ipotesi più fantasiose parlano di un ‘mammut’ o di altre creature legate alla preistoria. 

Rimaniamo in attesa di capire di cosa si tratti.

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*