Streaming “Che bella Giornata”. Nuovo film Checco Zalone in trailerCOMMENTA

Checco Zalone questa volta si è superato.

Questo è il commento di chi ha visto il film, appena uscito dalla sala cinematografica, dopo la prima giornata di programmazione di Che bella giornata. Molti bisbigliano già durante il secondo tempo, “è meglio di Cado dalle nubi”. Ma che il film diventerà un successo di botteghino, ce ne accorgiamo già fuori dal cinema, nel momento in cui non è possibile neanche prenotare un posto. Ne troviamo invece a volontà per tutti gli altri film.


Scatta quindi la corsa ad un altro cinema, e finalmente troviamo qualche posto libero. Sinceramente, fatico a ricordare in questi ultimi tempi, di aver dovuto correre nella speranza di trovare una poltrona in cui sedersi e gustarsi un film.

Leggi anche: Checco Zalone al Cinema


Ma di questo film, in effetti, “gustare” è il verbo più appropriato. Ce ne accorgiamo già dai primi minuti, in cui fa da padrone lo stile musicale scanzonato di Checco Zalone e le immagini di un sito web riguardante il lavoro a cui aspira il protagonista del film: l’addetto alla sicurezza.

Leggi anche: Checco Zalone sale in cattedra

Il sogno di Checco è diventare carabiniere, proprio come suo zio, ma viene maldestramente respinto al colloquio finale.

Ma come viene recitato più volte nel film, l’unico modo per lavorare è “farsi raccomandare”. Così, grazie ai giusti contatti di famiglia, arriva al vescovo di Milano (Tullio Solenghi) e inizia a lavorare come addetto alla sicurezza al Duomo di Milano.

Leggi anche: Checco Zalone Che Bella Giornata a … Bologna


E’ qui che conosce Farah (la protagonista femminile, Nahiha Akkari) una ragazza araba che si finge studentessa di architettura per entrare all’interno del Duomo ed escogitare un’esplosione terroristica, al fine di vendicare l’uccisione dei suoi cari.

Leggi anche: Che bella giornata di Checco Zalone


Il film vuole ispirarsi ai fatti moderni, in realtà esorcizzando in qualche modo le paure dei nostri giorni. Affrontando quindi la tematica del razzismo e del terrorismo: esilarante l’episodio in cui Checco Zalone invita a cena gli amici arabi di Farah (in realtà erano terroristi e stavano escogitando un attacco al Big Bang) e fa assaggiare le “mitiche cozze tarantine”. Ne mangiano così tante che i due terroristi-arabi saranno costretti a passare tutta la notte al bagno e rinunciare così all’attacco a Londra. La mattina seguente alla radio viene annunciato un messaggio di Bin Laden che dichiara: “State attenti al nuovo pericolo dell’occidente, le cozze”.

Leggi anche: Checco Zalone Che Bella Giornata a Torino


Ma Zalone vuole cimentarsi anche con le nuove tecnologie, interpretando l’uso maniacale, quasi assuefatto, di Facebook nei nostri giorni. Eccolo quindi passare tutta la notte al computer, cercando di ritrovare sul famoso social network la giovane Farah, di cui però conosce solo il nome.

Insomma, un film che, come dicevamo si può solo gustare. Tutti i meriti a Checco Zalone che con uno stile estremamente semplice ha saputo discostarsi da una comicità tipica da “cinepanettone”, offrendoci qualcosa di nuovo. Ha saputo avvicinarsi a tutti, sia ai più piccoli ma anche a età più adulte. Dopo tanto tempo rivediamo una sala colma di nipoti, zii, mamme, papà, figli e nonni, certi di vedere un film non grottesco, ma divertente, non troppo complicato ma semplice e diretto. Ma soprattutto certi di poter ridere senza per forza sentir volare qualche parolaccia di troppo.

Ci alziamo dalla sala, allora, soddisfatti di aver speso 7 euro anche se di mercoledì, e vi lasciamo ai titoli di coda senza spiegarvi il motivo per cui il secondo film di Checco Zalone si intitoli Che bella giornata. E’ una bella idea che fa sorridere e non ridere, ma è anche la più efficace di tutto il film.

A voi scoprirlo.

CHE BELLA GIORNATA. Regia: Gennaro Nunziante. Soggetto: Gennaro Nunziante e Checco Zalone. Sceneggiatura: Gennaro Nunziante. Attori: Luca Medici, Nabiha Akkari, Ivano Marescotti, Maresciallo Mazzini, Rocco Papaleo, Tullio Solenghi, Annarita Del Piano, Giustina Buonuomo, CapaRezza. Produttore: Pietro Valsecchi, Medusa Film, TaoDue Film. Musiche: Checco Zalone. Paese: Italia. Anno: 2011. Durata: 97 min. Genere: commedia. Uscita nelle sale: 5 gennaio 2011. Distribuzione: Medusa Film: Site: http://www.gazzetta.it/promotion/chebellagiornata/

loading...

Commenta

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato

*