Stretching: a cosa serve, come e quando bisogna eseguirlo
Stretching: a cosa serve, come e quando bisogna eseguirlo
Sport

Stretching: a cosa serve, come e quando bisogna eseguirlo

Stretching: a cosa serve, come e quando eseguirlo
Stretching: a cosa serve, come e quando eseguirlo

Lo stretching per alcuni è ritenuto una pratica superflua, addirittura pericolosa, per altri è quasi sacro, vediamo quando e perchè andrebbe praticato.

Prima di parlare di stretching, è importante sottolineare che la cosa principale in qualunque sport è il riscaldamento muscolare. Un muscolo freddo è soggetto a infortuni, inoltre un buon riscaldamento è in grado di apportare una serie di benefici durante la pratica sportiva.

Solo dopo aver eseguito un buon riscaldamento, entro una decina di minuti massimo, si può passare alla seduta di allenamento vero e proprio. E’ qui che entra in gioco lo stretching, per la precisione lo stretching attivo, una serie di movimenti che mantengono caldo il muscolo e agevolano l’ afflusso sanguigno e l’elasticita muscolare nei movimenti che eseguirete successivamente. Per questo motivo lo stretching attivo da il meglio se viene eseguito con movimenti simili all’allenamento che andremo ad eseguire. Uno stretching statico invece rischia di annullare i benefici del riscaldamento, facendo raffreddare la muscolatura e non produce risultati positivi sugli esercizi che andrete a eseguire.

Finita la sessione di allenamento possiamo passare allo stretching statico, esercizi di rilassamento che aumentano la capacità elastica tendinea e distendono la muscolatura che possono essere eseguiti come singolo allenamento se si vuole aumentare l’elasticità corporea, ruolo in cui diventa fondamentale.

Quindi si, lo stretching va praticato ma va scelto quello corretto in base al tipo di attività che andremo a svolgere e al risultato che si vuole ottenere.

Inoltre è molto importante eseguirlo nel modo corretto, prestando particolare attenzione alla tecnica, altrimenti è meglio evitarlo.

Molto importante: gli allungamenti non devono produrre dolore, se effettuandoli sentite dolore o dopo averli praticati sentite tirare i muscoli vuol dire che sono stati eseguiti in modo scorretto, in questo caso è consigliabile rivolgersi a un esperto.
Il segreto è cercare il punto limite, fermarsi esattamente in quel punto e tenere la posizione, non cercate di andare oltre o andrete incontro a stiramenti e lesioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

totti
Calcio

Quanti derby ha vinto Totti

22 novembre 2017 di Notizie

Francesco Totti è stato senza dubbio uno delle bandiere più importanti della Roma e del calcio italiano. Scopri quanti derby ha vinto contro la Lazio.