Strobing e Contouring: differenze COMMENTA  

Strobing e Contouring: differenze COMMENTA  

Strobing e Contouring: differenze
Strobing e Contouring: differenze

Lo Strobing e il Contouring sono due tecniche che riguardano il make-up. Il loro obbiettivo è quello di donare dei lineamenti al volto. Nonostante ciò, vi sono delle differenze tra loro.

Strobing e Contouring sono due tipi differenti di tecniche per ottenere un trucco perfetto. Entrambi hanno l’obbiettivo di correggere i lineamenti di un viso, sempre in modo naturale. In particolare, le zone che vengono solitamente trattate attraverso lo Strobing e il Contouring sono il mento, gli zigomi e il naso. E’ necessario, al fine di raggiungere un ottimo risultato, avere a portata di mano una terra e il fondotinta. Non solo: è importante seguire anche determinati consigli e avere molta precisione nell’eseguire le due tecniche.


Ma qual è la differenza tra Strobing e Contouring? Il primo mette in risalto alcune zone del volto. Ma non solo: ha la capacità di donare a tutto il viso una certa luminosità. Solitamente, questa tecnica viene praticata in estate e avviene attraverso l’uso di un correttore chiaro. Mentre, il Contouring, con l’utilizzo di una terra scura, riesce a scolpire un volto creando delle zone d’ombra. Esistono due tipi di Contouring: uno è più semplice e naturale, mentre l’altro è molto più forte. In base alle proprie esigenze viene scelto o uno o l’altro. Con questa tecnica, solitamente, vengono risaltati gli zigomi. Non solo: con un gioco, svolto dalla tecnica del chiaroscuro, si va a dare una certa definizione ai lineamenti del volto.


Dunque, in sintesi, Strobing e Contouring sono due tecniche che vengono utilizzate al fine di ottenere un risultato ottimale. Le modelle e le attrici che, solitamente, vediamo sulle prime pagine dei giornali con un viso dai lineamenti perfetti, vengono truccate attraverso lo Strobing e il Contouring.

Il primo, riepilogando, è utilizzato da chi ha intenzione di illuminare determinate parti del viso. Mentre, il secondo da chi vuole, invece, scolpire il volto.

Leggi anche

Donna

Stivali: cinque tipi da non perdere

Stivali con plateau, ankle boot, stivaletti, stivali con pelliccia, stivali gladiator: ecco le principali tipologie di stivale da non farsi mancare Indiscutibile calzatura protagonista dell’inverno 2016-17 è lo stivale: non importa se con o senza Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*