Studenti: borse di studio che non vedranno mai COMMENTA  

Studenti: borse di studio che non vedranno mai COMMENTA  

Il taglio inferto dal governo Berlusconi all’istruzione pubblica, fa ancora vittime e, per l’esattezza, 145.000.  Stiamo parlando di tutti quegli studenti a cui lo stato aveva riconosciuto idonei per la borsa di studio, ma che non potranno ottenerla per i tagli alla spesa pubblica.


Da 246 milioni stanziati per l’istruzione, si è passati, con la Gelmini e Tremonti, a poco meno di 26 milioni nell’anno corrente per raggiungere il minimo storico, appena 12 milioni, nel 2013, “mentre paesi europei come Francia o Germania investono nel diritto allo studio miliardi di euro ogni anno”.

A denunciare questo sopruso e’ l’Unione degli universitari che, il 2 giugno, sarà al fianco dei sindacati in occasione della manifestazione unitaria indetta da Cgil, Cisl e Uil a Roma.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*