Studio inglese: la marijuana provoca apatia e pigrizia COMMENTA  

Studio inglese: la marijuana provoca apatia e pigrizia COMMENTA  

I ricercatori dell’Imperial College di Londra hanno analizzato il cervello di quaranta persone: il 50% di queste era consumatore abituale di cannabis, mentre il restante 50% no. Secondo i risultati dello studio effettuato sul campione, nel primo gruppo è stato rilevato un livello alto di dopamina insieme a spiccati sintomi di sindrome amotivazionale.


Lo stato di pigrizia in cui si trovavano gli appartenenti al gruppo di persone abituali consumatrici di cannabis è riscontrabile e piuttosto evidente, così come altri studi svolti in passato hanno messo in evidenza il legame tra alcune forme di apatia e l’uso di marijuana.


Oltre a causare apatia, stanchezza e in alcuni casi anche forme di schizofrenia, fumare cannabis rende svogliati e privi di qualsiasi motivazione. Ciò è dovuto ad una alterazione nella produzione di dopamina nella zona del cervello in cui hanno sede le motivazioni ad agire.

Per questo, dopo aver fumato nulla suscita più molto interesse, che si tratti di sesso, rock’n roll oppure divertimento sfrenato.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*