Sulla linea Bari Nord vige ancora il blocco telefonico COMMENTA  

Sulla linea Bari Nord vige ancora il blocco telefonico COMMENTA  

Attivo ancora il blocco telefonico sulla linea ferroviaria Bari Nord

La catastrofe ferroviaria accaduta ieri mattina, ha lasciato  27 morti e 50 feriti. Come hanno dichiarato alcuni presenti ieri sul luogo dell’incidente: “sembrava quasi una catastrofe aerea”. Nessuna ipotesi è stata ancora confermata, ma sembrerebbe che la causa della tragedia fosse stata la  mancanza di sistemi automatici di supervisione della linea ferroviaria. L’incidente è successo in un  tratto di binario unico dove è ancora attivo il blocco telefonico.


Stefania Gnesi, ricercatrice dell’Istituto di scienza e tecnologia dell’informazione,  ha affermato oggi che è ancora attivo il blocco telefonico sulla linea ferroviaria Bari Nord. Il blocco telefonico ovvero, il via libera sul binario unico. Sono tanti le voci  che hanno denunciato la pericolosità del binario unico ma, sembra che non sia quello il problema. Secondo l’ANSA, in quella tratta di linea ferroviaria non  era presente l’impianto di segnalazione automatica. Questo sistema reputato molto sicuro, permette di  bloccare i treni nel caso in cui i convogli fossero troppo vinci.


Inoltre Gnesi ha affermato che questo sistema di blocco telefonico è utilizzato solo in una piccola percentuale della rete ferroviari italiana, mentre nel 98%  sono utilizzati diversi sistemi automatici più avanzati.  Questi sistemi sono considerati più sicuri perché funzionano a blocchi.

Gnesi ha spiegato anche il funzionamento di questi sistemi. Su tutta la rete ferroviaria sono presenti sensori che segnalano, con un sistema di blocco, se la linea è utilizzata. Così quando il treno trascorre il binario, gli altri convogli si fermano. Nel caso in cui il treno dovesse sforare la distanza di sicurezza, si attiva il blocco automatico: o il semaforo rosso o la sospensione della corrente elettrica sul treno.  Dopo questo tragico incidente sono in tanti quelli che mettono in  dubbio la sicurezza di questo sistema di sicurezza ferroviario.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*