Super Mario Bros vs videogiochi moderni COMMENTA  

Super Mario Bros vs videogiochi moderni COMMENTA  


Recentemente, ho visto un bambino giocare a Call of Duty: Modern Warfare 3, il che mi ha fatto capire quanto sia diverso sia l’approccio ai videogiochi oggigiorno. Il mio primo videogioco è stato Super Mario Bros., sono diventato un giocatore dopo aver sentito la famosa musichetta e dopo aver superato i vari livelli con comandi molto semplici: salta e corri. Ho giocato anche a Kung Fu e a The Legend of Zelda. Ma, quello che mi colpisce è il diverso approccio che io e la mia generazione avevamo nei confronti dei videogiochi.


Quando ho scoperto Super Mario Bros, è stato solo attraverso le chiacchere di alcuni bambini. Ognuno conosceva qualcuno che aveva una console: tutti hanno detto ai propri genitori di volerne una e così ho fatto anch’io. La maggior parte dei genitori non sapeva granché sui videogiochi. Super Mario Bros. non aveva un tabellone pubblicitario in centro o una grande premier come ogni nuova uscita della serie di Call of Duty. Oggi i bambini possono avere idee simili o contrastanti sui videogiochi: discutono sul gioco e sugli obiettivi e si chiedono se il gioco sarà in grado di fare questo o quell’altro. Quando avevo la loro età e ricevetti il mio primo Nintendo, con dentro Super Mario Bros., volevo solo divertirmi ed è quello che ho fatto. I comandi e le funzioni dei videogiochi moderni come Call of Duty: Modern Warfare 3 sono più numerosi e complicati di quelli di Super Mario Bros., che aveva solo due comandi direzionali. La grafica dei giochi moderni è di molto superiore a quella di Super Mario Bros.. I giochi odierni hanno una certa profondità, mentre Super Mario Bros. era semplicemente un gioco a scorrimento. I livelli dei videogiochi attuali sono più intricati e dotati di assistenza online, mentre Super Mario Bros. tuttalpiù permette a due giocatori di giocare non simultaneamente. Tuttavia, mi sono reso conto che i videogiochi moderni non mi divertono.


Guardo indietro agli anni in cui ero un giocatore. La maggior parte dei videogiochi che mi divertivano di più, non erano quelli più appariscenti o con la trama più realistica o con i comandi più complessi. Ma, come ho già detto, io ho iniziato a giocare in un’altra era. I bambini di oggi non prendono neanche in considerazione le console della mia generazione, hanno versioni dei loro videogiochi preferiti disponibili nei loro telefonini e sui computer. Il bambino moderno non inizia i videogiochi come un piacere, un semplice momento di gioia, iniziano a giocare come analisti e competitori; sono circondati dai media molto più che ai miei tempi. La prima console dei giovani di oggi è nettamente superiore a quella più avanzata della mia generazione. Ma, io e i miei coetanei, ci riteniamo molto fortunati. I giochi della mia infanzia, come il mio adorato Super Mario Bros., sono troppo deboli per competere con le esigenze di un bambino moderno. Ma per noi è stata una fortuna avvicinarci ai videogiochi senza il glamour, lo sfarzo e senza la popolarità di Hollywood e di altri mass media. Abbiamo amato Super Mario Bros. e gli altri videogiochi del genere per puro divertimento. Questa è una qualità che manca ai videogiochi moderni, ma che la mia generazione ha avuto la possibilità di apprezzare.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*