Superdotato disperato in Messico, non può lavorare COMMENTA  

Superdotato disperato in Messico, non può lavorare COMMENTA  

Qual’è l’essere umano di sesso maschile che almeno una volta non ha sognato di essere “superdotato”? In Messico c’è un uomo che con un pene di 48 cm invece è disperato. Pare che la vita di Roberto Esquivel detto “Il Centauro”, così si chiama lo “sfortunato superdotato” sia estremamente solitaria e frustrante proprio a causa della misura sproporzionata: le donne lo tengono a distanza per paura della dimensione e proprio questo eccesso gli mpedisce di lavorare, tant’è che ha chiesto di poter ottenere l’invalidità.


I medici dell’ospedale di Cohauila gli hanno consigliato un intervento riduttivo dell’organo, ma per effettuarlo occorre denaro che lui non ha, in quanto ora sta vivendo di espedienti.

Per il momento l’unico modo per sfruttare questa abnormità sarebbe entrare nel Guinness dei Primati superando il record attuale di 34 cm,  così ora Roberto Cabrera è in attesa delle necessarie verifiche e poi può solo sperare nell’ìinvalidità.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*