Svendesi ore di sonno perdute, protesta la Darsena

Cronaca

Svendesi ore di sonno perdute, protesta la Darsena

Svendesi ore di sonno perdute.

I residenti della zona Navigli di Milano hanno messo in atto ieri una protesta clamorosa e, allo stesso tempo, non priva di una certa autoironia.

‘Svendesi ore di sonno perdute’ è infatti lo slogan scelto dai milanesi per preparare cartelli con i quali la Darsena è stata tappezzata. Il chiaro riferimento è al prepotente ritorno della movida, con il suo carrozzone di divertimenti, persone, locali e, impossibile da evitare, rumore, fino a tarda notte.

Problema tipico, pane quotidiano per le amministrazioni comunali, strette fra l’esigenza di rivitalizzare la città favorendo le fonti di divertimento notturno e quelle sacrosante di chi, di notte, preferisce o ha l’esigenza di riposare.

Non è certo un problema che si può ridurre a schieramenti semplificati di torto e ragione, ma è pur vero che la gestione del tessuto cittadino dovrebbe, di regola, salvaguardare le esigenze opposte cercando di evitare di farle convivere. Chissà.

Per ora, di sicure, ci sono solo le ore di sonno perdute.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche