Svizzera: ingiustificato limitare permessi di soggiorno

Esteri

Svizzera: ingiustificato limitare permessi di soggiorno

L’Unione europea riprende la Svizzera sulla questione dei permessi di soggiorno, che il Paese ha deciso di limitare numericamente per i cittadini provenienti da otto Paesi, anch’essi membri dell’Ue.

L’alto rappresentante per la politica estera Catherine Ashton ha asserito di essere ”dispiaciuta”, per questa misura, considerata ”ingiustificata”. ”Si tratta di una decisione – ha precisato Ashton – in violazione dell’accordo sulla libera circolazione dei cittadini, che non permette differenze fra i paesi dell’Ue”.

Della stessa opinione è il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz, secondo il quale la decisione della Svizzera è chiaramente discriminatoria e incongruente con i patti. “Dobbiamo lavorare da vicino – ha dichiarato Schulz – con i nostri vicini più stretti. Ora non è il momento di indebolire la libera circolazione, ma piuttosto di rafforzarla”.

I Paesi colpiti dalla decisione di Berna sono Slovenia, Estonia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Slovacchia e Repubblica Ceca.

Marika Nesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche