Tai chi: arti marziali in età adulta

Salute

Tai chi: arti marziali in età adulta

 

Alcuni mesi fà il British Journal of Sports Medicine dichiarava che anche in età adulta è consigliabile praticare discipline come il tai chi in quanto fanno bene a corpo e mente. Nata nell’antica Cina, questa disciplina è considerata un’arte marziale volta a rilassare chi la pratica. Il fondatore fù il monaco taoista Chang San-Feng che nel XII secolo iniziò ad osservare  animali come serpenti e gru e successivamente a copiarne i movimenti fluidi, flessibili e di resistenza.

Praticando questa disciplina, l’individuo esegue una serie di movimenti  lenti e circolari. Alcuni di essi richiedono potenza muscolare, altri sono più leggeri e fluidi. Il peso del corpo è spostato da una parte all’altra controllando sempre il proprio centro di gravità e respirando tramite il diaframma. Gli esercizi così svolti hanno un impatto rilassante e poco faticoso, per questo motivo possono essere praticati anche in età adulta e da chi non può eseguire esercizi fisici troppo faticosi. Praticato due volte a settimana per un’ora, il tai chi aiuta a rinforzare le ossa, a distendere i muscoli e a ottimizzare la respirazione. Anche l’equilibrio può essere migliorato grazie alla particolare postura assunta durante gli esercizi.

Per la medicina cinese, molte malattie si sviluppano a causa di blocchi della circolazione, per questo motivo il tai chi è considerata una disciplina che aiuta a prevenire e curare  malattie e disturbi quali: alta pressione sanguigna, morbo di Parkinson e cancro. Non ci sono dati certi sull’effetivo beneficio del tai chi su queste malattie, ma esistono studi e ricerche che mostano miglioramenti nei pazienti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...