Taricco sollecita un controllo sulla correttezza della dismissione delle strade provinciali

Politica

Taricco sollecita un controllo sulla correttezza della dismissione delle strade provinciali

Il parlamentare del PD Mino Taricco ha chiesto al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tramite un’interrogazione parlamentare, di verificare se la Provincia di Cuneo ha rispettato la corretta procedura nel deliberare la dismissione di quasi 40 km di strade provinciali a 14 Comuni del Cuneese, che lamentano una scarsa collaborazione da parte della stessa Giunta Provinciale nella sua attuazione. Lo stesso deputato ha anche sollecitato un controllo sulla procedura da parte dell’Ispettorato generale per la Circolazione e la Sicurezza stradale.
“La manutenzione delle strade provinciali e la sicurezza dei cittadini che su di esse viaggiano quotidianamente sono obblighi a cui non ci si può sottrarre – scrive Mino Taricco nell’interrogazione fatta il 23 ottobre scorso -. In questo compito, tuttavia, i singoli Comuni non possono essere lasciati da soli: è necessario individuare soluzioni frutto di un accordo e di una collaborazione tra le parti in causa”.
La dismissione di tali tratti stradali aveva sin da subito sollevato le perplessità dei sindaci dei Comuni interessati – Bagnolo Piemonte, Barolo, Carrù, Casteldelfino, Cavallerleone, Ceva, Magliano Alpi, Montà, Montanera, Racconigi, Rossana, Sale Langhe, Venasca e Villafalletto -, i quali avevano lamentato vizi e difetti procedurali e il grave stato di dissesto di alcuni tratti delle strade: un dissesto che avrebbe costretto a costosi interventi di manutenzione, non di competenza dei Comuni e sicuramente non affrontabili unicamente dalle loro casse.

Questa situazione aveva condotto anche, nei mesi scorsi, a manifestazioni di protesta, sino alla convocazione di una riunione pubblica tra i sindaci tenutasi nel municipio di Racconigi, alla quale aveva partecipato lo stesso Taricco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche