TAS: un esame del sangue specifico

Guide

TAS: un esame del sangue specifico

La sigla TAS indica un’analisi del sangue, quella del Titolo Anti Streptolisinico, che si effettua alla ricerca degli effetti di un’infezione causata dallo streptococco beta emolitico di tipo A nell’organismo. Infatti la sostanza ricercata dal TAS, l’antistreptolisina, è quell’anticorpo che indica che l’organismo reagisce alla presenza di streptolisina nel sangue. Quest’ultima è una proteina prodotta dagli streptococchi.

La ricerca della presenza dello streptococco e delle alterazioni cliniche derivate da un’infezione da esso causata, evidenziata dagli esiti dell’analisi TAS, è fondamentale in ambito pediatrico per scongiurare complicazioni che possono portare ad episodi reumatici dolorosi e gravi nonché danni al cuore o ai reni.

Tuttavia unicamente il valore del TAS non è utile per una diagnosi in quanto questo si potrebbe riferire sia a un’infezione in corso, sia a un evento passato. Per approfondire la questione viene prescritto oltre al TAS anche un esame della VES e se anche questa ha un valore alto, allora si procede con un tampone faringeo per avere ulteriori dati e controllare la presenza dell’infezione da streptococco e delle sue conseguenze.

L’esame del TAS è effettuato qualche settimana dopo l’infezione da streptococco e può essere ripetuto a breve distanza (due settimane) per controllare l’andamento del valore del titolo.

Tuttavia i dati scientifici relativi al Titolo Anti Streptolisinico sono ancora scarsi e la letteratura scientifica è cauta.

In particolar modo si mette in rilievo il fatto che il valore del TAS, da solo, non indica niente di preciso.

Infatti, come accade dopo altre infezioni debellate dall’organismo, gli anticorpi creati per contrastare lo streptococco restano nel sangue pronti ad intervenire in caso di altre infezioni.

Quindi, a meno di non avere dei risultati degli esami del sangue che riportano altri valori che non sono nei rispettivi range di riferimento, non c’è da preoccuparsi di un risultato molto alto del TAS, che non è un esame del sangue di routine, ma è mirato in presenza di un quadro clinico che richiede ulteriori approfondimenti.

Per ogni ulteriore approfondimento o valutazione clinica dei risultati degli esami del sangue si consiglia sempre di rivolgersi al proprio medico curante o a uno specialista.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


traduttrice; lingue di lavoro: inglese, francese, tedesco