Teatri di Napoli: arriva l’Orestea al Mercadante COMMENTA  

Teatri di Napoli: arriva l’Orestea al Mercadante COMMENTA  

napoli mercadante orestea
napoli mercadante orestea

I teatri di Napoli non smettono di stupire: al Mercadante va in scena l’Orestea, la trilogia tragica di Eschilo.

Teatri e Napoli: binomio inscindibile tra classicità e tradizione sapientemente innovata

SIMBOLO DI QUALITA’ – Il teatro Mercadante, già Teatro del Fondo, è tra i più antichi e prestigiosi teatri di Napoli e sotto la guida del Teatro Stabile napoletano si è distinto per rispetto e innovazione delle storie classiche, in particolare delle tragedie greche, per questo l’operazione avviata nei mesi di novembre e dicembre merita sicuramente plaiso e attenzione. Sta infatti andando in scena, nello storico edificio di Piazza Municipio 46, l’intera trilogia dell’Orestea di Eschilo, capolavoro assoluto e patrimonio della letteratura e del teatro mondiale.

Tra i protagonisti principali che saliranno sul palco del Mercadante troviamo il famoso attore Mariano Rigillo (Agamennone), Elisabetta Pozzi (Clitemnestra) e Giacinto Palmarini (Oreste), accompagnati dalle esibizioni della Compagnia Korper con le splendide e misteriose coreografie di Noa Wertheim, direttrice della Vertigo Dance Company e con la direzione di Luca De Fusco, direttore artistico dello Stabile. L’Orestea sarà rappresentata quindi come uno spettacolo “in musica”, la cui partitura sarà curata dal compositore israeliano Ran Bagno.  In scena dal 24 novembre al 20 dicembre, lo spettacolo che non può mancare nei grandi teatri vedrà un turno speciale l’8 e il 15 dicembre, giorni in cui la trilogia sarà interamente rappresentata in 2 spettacoli uno dietro l’altro.

LA STORIA – La storia di Oreste narrata da Eschilo fin dall’antichità aveva colpito gli uomini: Agamennone (a cui è dedicato il primo capitolo della trilogia) torna vittorioso da Troia ma viene ucciso a tradimento nella sua patria dalla moglie Clitemnestra e dal suo amante Egisto. Tocca ad Oreste, primogenito di Agamennone lavare l’onta col sangue, in ossequio alle antiche leggi ateniesi, troppo antiche perfino per Eschilo. Un nuovo tipo di società è pronto a nascere, sul palco di un’opera inestimabile…

Leggi anche

About Modestino Picariello 566 Articoli
Giornalista e insegnante, amo poter raccontare la realtà in maniera chiara e semplice. Il più grande potere è nella conoscenza
Contact: Google+

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*