Telegram: ecco le ultime novità sulle chiamate vocali
Telegram: ecco le ultime novità sulle chiamate vocali
Tecnologia

Telegram: ecco le ultime novità sulle chiamate vocali

Le chiamate vocali, dopo Whats App, arrivano anche sulla chat Telegram e saranno protette da crittografia.
La chat è considerata una delle più sicure e protette dato che è usata e collaudata in molti continenti. Di particolare successo sono risultati i potenziamenti che ha sviluppato , come i bot ,le personalizzazioni grafiche, gli sticker, i canali.
La funzione arriva con l’aggiornamento della chat, la versione 3.18, che consente di modificare la compressione dei video che vengono condivisi tra i partecipanti. L’app offre anche un’anteprima del filmato in modo da visualizzare prima e valutare la qualità finale. Una funzionalità che nessun’altra app di messaggistica aveva mai pensato prima.
Gli utenti iOS e Android potranno effettuare telefonate grazie al collegamento dall’app.

Cosa cambia

La crittografia cambia: se nel testo scritto è end-to-end,e riguarda solo chi invia e chi riceve, nelle chiamate cambia il metodo di protezione: chi chiama e chi riceve potrà essere sicuro della privacy confrontando quattro emoji che verranno visualizzate sullo schermo dello smartphone. In merito alla novità, dal blog del sito scrivono: “Stando ai nostri test, le chiamate di Telegram sono già superiori a qualsiasi altro concorrente su connessioni di qualità comparabile.

Ma la qualità delle chiamate di Telegram migliorerà ulteriormente quanto più verranno usate, grazie al machine learning”. Chi non volesse ricevere chiamate da tutti i contatti può ovviamente limitare l’opzione a pochi, oppure disattivarla del tutto. La qualità della chiamata puo essere anche diminuita in modo da non consumare troppi dati, se non è presente Wi-fi.

L’aggiornamento parte dall’Europa Occidentale compresa l’Italia e si estenderà al resto del mondo nelle prossime settimane.
Attendiamo ulteriori feedback per la nuova funzione!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche