Temperatura Cpu ottimale e ideale

Tecnologia

Temperatura Cpu ottimale e ideale

Temperatura cpu: windows 7
Temperatura cpu: windows 7

Ecco la temperatura cpu ideale per il tuo pc, e quali sono i segnali di allarme che non vanno trascurati per evitare rischi.

Una temperatura Cpu ideale non esiste. Questa è la premessa che ci sentiamo di fare per coloro che si sono posti questo interrogativo. Ogni Cpu è strutturata per lavorare con temperature differenti e per questo motivo una temperatura ottimale non è possibile individuarla in linea generale. La temperatura Cpu è diversa a seconda se stiamo parlando di Pc assemblati, Pc fissi e Notebook.

Per i pc portatili generalmente la temperatura non dovrebbe mai eccedere gli 80°. In caso contrario c’è sicuramente qualche problema. Un temperatura che supera gli 80° è già un segnale di allarme da non sottovalutare che potrebbe comportare la compromissione della stessa unità centrale. Già una temperatura che si aggira attorno ai 75° non dovrebbe essere presa sottogamba. Potrebbe essere il segnale di un guasto all’impianto di raffreddamento.

Questo discorso vale non solo per le Cpu ma anche per le GPU, le unità di elaborazione grafica. Una regola aurea per evitare questi inconvenienti è quella di tenere sempre pulita la ventola e di sostituirla in caso di pessimo funzionamento. In caso negativo, il problema potrebbe essere rappresentato dal Dissipatore di calore del Processore (che in questo caso va assolutamente rimpiazzato).

Anche la Pasta Termoconduttiva potrebbe rappresentare, in tal senso, un elemento da monitorare. Si tratta di un elemento situato tra Dissipatore e dispositivo. La temperatura Cpu ideale dovrebbe oscillare tra i valori compresi tra i 35 e i 45 gradi. Se le temperature sono troppo basse (ad esempio oscillano tra i 15 e i 30 gradi), in tal caso la probabilità che l’hard disk possa guastarsi definitavamente, probabilmente per questioni meccaniche. Se la temperatura supera costantemente i 40 gradi, aumentano chiaramente le probabilità di rottura entro i 3 anni. Se questo non dovesse accadere possiamo confidare sul fatto che possa continuare a rimanere intatto almeno per altri due anni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...