Tennis, US Open, Fognini elimina Nadal

News

Tennis, US Open, Fognini elimina Nadal

Inaspettata, combattuta, storica.

Per quello che Fabio Fognini è riuscito a fare agli US Open di tennis si può snocciolare una carrellata di aggettivi, nel tentativo di definire al meglio l’impresa che il tennista italiano ha portato a compimento.

Un’impresa, non c’è dubbio, perché, per uno come lui, battere Rafael Nadal è qualche cosa che non può che chiamarsi con questo nome.

Cinque set di sudore, giocati colpo su colpo, con i primi due vinti dallo spagnolo per 3 a 6 e 4 a 6 e i successivi tre conquistati da Fognini in sequenza, in rimonta, sfruttando un calo di concentrazione dell’avversario, qualche errore di troppo, tutto ciò che si vuole. Fatto sta che il tennista italiano ci ha creduto fino alla fine, anche quando era sotto di due set a zero e ha giocato una delle migliori partite della sua carriera.

6 a 3, 6 a 4 e, infine, 6 a 4 i parziali degli ultimi tre set, per il 3 a 2 finale con il quale Fognini ha conquistato una vittoria meritata.

Certo, Nadal non è più quello di qualche anno fa, lo si è capito benissimo, e non dal match contro Fognini.

Lo spagnolo, pur restando il numero 8 della classifica mondiale, ha imboccato da un po’ di tempo una parabola discendente, di cui quest’ultima sconfitta è, con ogni probabilità, solo una delle tappe.

Nadal non rimaneva a secco di vittorie in uno dei tornei Slam da dieci anni (gli US Open sono l’ultimo torneo, perciò, per quest’anno, la sentenza impietosa di zerotituli mouriniana è oramai definitiva) e, a Flushing Meadows, non perdeva dal 2011, quando fu sconfitto in finale da Novak Djokovic.

Per il sanremese Fabio Fognini, invece, è arrivata, a trentadue anni suonati, la prima volta agli ottavi di Flushing Meadows, dove si troverà di fronte un altro spagnolo, Feliciano Lopez, che ha battuto il canadese Milos Raonic.

Sognare è sempre lecito perché, come si dice, non costa nulla. Sognare con un Fognini che gioca in questo modo straordinario, poi, è ancora più lecito, se così si può dire: è facilissimo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche