Tentò di far uccidere l’ex marito: condannata ad 8 anni e 4mesi

Cronaca

Tentò di far uccidere l’ex marito: condannata ad 8 anni e 4mesi

Una vendetta crudele, meditata e fortemente voluta. E’ così che i giudici della sezione penale del tribunale di Torino hanno valutato la condotta di una ex-poliziotta, portata in giudizio dal pm Stefano Demontis. La donna è stata condannata ad 8 anni e 4 mesi di detenzione per tentato omicidio.

Separata dal suo compagno, era ormai dal 2007 che lo perseguitava pedinandolo e minacciandolo. Tormentandone la vita, rendendogliela un inferno. Non gli perdonava d’essersi rifatto una vita, d’avere una nuova fidanzata. Per questo motivo aveva già ricevuto una condanna di due anni per stalking. Non le era bastato. Non poteva tollerare che l’uomo le vivesse lontano. Un amore cronico e malato, insano e pericoloso. Si era spinta oltre, contattando un italiano ed incaricandolo di trovargli un sicario disposto a uccidere. Così entra nella storia anche un brasiliano disoccupato e sprovvisto di permesso di soggiorno. Avevano fissato il corrispettivo ad 8 mila euro.

Tanto valeva la vita di chi l’aveva abbandonata.

Il 24 Ottobre 2011 il sudamericano aveva atteso la vittima nei pressi del garage della nuova fidanzata e lo aveva aggredito, colpendolo più volte con una mazza da baseball. L’uomo però, un 48enne italiano, era riuscito a sottrarsi alla mattanza mettendosi in salvo. Anche l’aggressore è stato fermato dalle forze dell’ordine e condannato a 4 anni. L’intermediario invece ha chiesto il patteggiamento della pena.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*