Terme naturali: i “nove inferni” di Beppu in Giappone

Viaggi

Terme naturali: i “nove inferni” di Beppu in Giappone

terme
Terme di Beppu

Ecco cosa sono gli Onsen giapponesi ed i “Novi Inferni”: le celebri ed incredibili terme di Beppu. Poi ci soffermeremo su tante altre curiosità

Magari non vedete il momento di rilassarvi con un bel viaggio alle terme: se questo è il vostro sogno cercheremo di guidarvi. Quasi sicuramente sarete in ottima compagnia. Avete mai balenato l’ipotesi di recarvi…all’inferno? Se la risposta di tutto questo è negativa, allora dovete scoprire il meraviglioso paradiso termale di Beppu. Quest’ultima è una città del Giappone ubicata sulla costa nordorientale dell’isola di Kyūshū.
terme

Gli Onsen: le stupende terme giapponesi di Beppu

È bene ricordare che Onsen è un particolare termine giapponese: tradotto significa “stazione termale”. Poi bisogna specificare che di Onsen se ne può parlare prendendo come riferimento Beppu. Questo perché Beppu è una città situata in una profonda baia dell’isola di Kyūshū. È un vero e proprio tesoro termale. I vari onsen sono collegati a delle meravigliose sorgenti termali d’acqua calda.
Alcune di queste ultime sono colorate e persino ritenute sacre. Altra particolarità su Beppu: è un miscuglio di solfatare, caldere, fumarole vulcaniche e sorgenti termali con delle temperature comprese tra 37°C e 98°C.

Tutte queste sorgenti emettono quotidianamente più di 70 mila metri cubi di acqua. Può bastarvi per ora?
terme

Da dove deriva la denominazione “I nove inferni”?

Vediamo, ora, in breve perché si parla di “nove inferni” nel caso di Beppu? La risposta all’interessante quesito è semplice: dell’insieme dei numerosi siti geotermici, ben nove sono i principali. Per esempio: il “Chi-no-lke Jigoku” (il cui significato è: “pozzo di sangue”). Quest’ultimo ha una profondità di ben 200 metri. E inoltre presenta delle strane acque color rosso sangue.
L’altro dei nove principali osen è “Umi Jigoku”. Quest’ultimo tradotto significa pozzo dell’oceano. La colorazione azzurra di esso fa venire in mente il clima rigido. Mentre le temperature possono sfiorare i 100°C, ed è anche l’onsen più grande.
La terza citazione fa riferimento al sito “Tatsumaki Jigoku“, che tradotto significa “pozzo del ciclone”. In pratica: una sorgente termale in cui dalla bocca dei profondi pozzi ogni 15 minuti sgorgano zampilli di aria che possono arrivare ad un’altezza di venti metri.
terme

Che cosa vedere nelle terme giapponesi di Beppu?

È bene evidenziare che ogni anni più di 11 milioni di turisti visitano i bagni pubblici della località nipponica.

L’isola di Kyūshū presenta una caratteristica: è una delle zone maggiormente vulcaniche del Paese. E tutto questo la rende veramente unica. Inoltre Beppu è divenuta celebre nel corso degli anni proprio per la sua ampia offerta di stazioni termali. In altre parole: negli ultimi tempi c’è stata una profonda mutazione per quello che concerne il concetto di SPA. E questo con diverse stazioni obsolete. Queste ultime sono state sostituite con degli onsen di pregio e molto sofisticati.

Altre particolarità su Beppu

Nella città giapponese sono presenti diverse altre attrattive molto interessanti: potete trovare il Museo delle Arti, con una zona dedicata agli oggetti di bambù. E poi, per restare in tema di onsens, non potete perdervi il Palazzo Suginoi. Quest’ultimo con un ampio bagno panoramico composte da diverse vasche che si sviluppano a gradini.
Infine, per ultimo, vi consigliamo vivamente di visitare l’acquario Umitamago. In esso si possono accarezzare i pesci con le mani.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche