Terremoto centro Italia: area di 600 chilometri quadrati deformata COMMENTA  

Terremoto centro Italia: area di 600 chilometri quadrati deformata COMMENTA  

In base al sisma che ha colpito il centro Italia nelle ultime ore, sembra che quasi 600 chilometri quadrati siano deformati, in seguito ad alcuni elementi e ad alcuni dati relativi al sisma condotti dal centro sismologico.


Renzi ha affermato che i soldi ci sono, non sono un problema e che faranno tutto il possibile per portare la situazione alla normalità con la ricostruzione, a partire dalle scuole e dalle chiese. Secondo Renzi, nessuno ne deve approfittare perché gli sciacalli sono sempre presenti e potrebbero agire in qualunque situazione.


Parla di risorse già stanziate e che sono utili a partire dal 2018 e che arrriveranno a cinque – sei miliardi di Euro in breve tempo e che sono utili per la ricostruzione e per le zone colpite dal sisma.


Inoltre, il premier Matteo Renzi a Radio 24, afferma che non ci sono problemi di deficit, in quanto è considerato ai livelli più bassi di sempre e non vi è modo di preoccuparsene.

L'articolo prosegue subito dopo


Renzi afferma che i tempi di oggi non sono come quelli di ieri, quando in seguito a un sisma, aumentava sia il valore della benzina che delle sigarette. Risalendo ai tempi passati, si scopre che di solito ci si recava nei luoghi del sisma dopo alcuni giorni, mentre lui si è recato nei luoghi e nelle popolazioni colpite subito, a partire dal giorno successivo per accertarsi delle condizioni e capire cosa si potesse fare.

Afferma anche che finché sarà Presidente del Consiglio, non ha nessuna intenzione di aumentare le tasse.

 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*