Terremoto Emilia 2012: i soldi raccolti con gli SMS non sono mai arrivati ai terremotati COMMENTA  

Terremoto Emilia 2012: i soldi raccolti con gli SMS non sono mai arrivati ai terremotati COMMENTA  

Ricordate il terremoto che ha sconvolto parte dell’Emilia Romagna alla fine del maggio 2012? La raccolta di denaro attraverso gli sms da 2,00 euro?

Al tempo furono raccolti poco più di 15 milioni da destinare ai Comuni colpiti dal sisma. Una somma messa insieme grazie alla generosità degli italiani che, nonostante la prontezza dimostrata, hanno dovuto accettare il fatto che il denaro raccolto sia arrivato ai terremotati con un consistente ritardo. Colpa di una lungaggine burocratica (un iter che deve garantire la massima trasparenza) e di qualche effettivo ritardo nella concretizzazione vera e propria dei soldi.

Leggi anche: 3 Dicembre 1992: 23 anni fa il primo sms della storia


Di quest’ultimo aspetto parlava il capo della Protezione Civile Franco Gabrielli nell’ottobre del 2012, qualche mese dopo il sisma in Emilia:

«Purtroppo l’iter non si può comprimere più di tanto, se si vuole assicurare trasparenza. Innanzitutto una precisazione sulla cifra, i 15 milioni non sono versamenti ma promesse di versamento. La differenza è sottile ma decisiva. Nel senso che i vari gestori (Tim, Vodafone, Wind eccetera) prima di versare alla Tesoreria dello Stato l’importo corrispondente agli sms, devono effettivamente incassare la cifra. Io posso anche inviare un messaggio ma se poi per qualche ragione non lo pago, il gestore non versa».

Sms inviati con l’intenzione di donare 2 euro, ma senza che quegli stessi 2 euro siano davvero versati alle compagnie telefoniche (per qualunque motivo, pure banale), risultano nulli dal punto di vista della raccolta fondi. Il problema, nel caso specifico, è consistito nel fatto che fra carte prepagate, contratti telefonici e bollette, se gli utenti non pagano l’sms per un qualsivoglia motivo, le compagnie telefoniche non dispongono del denaro da destinare alla raccolta fondi e quindi l’intero meccanismo si inceppa. Questo, unito al fatto che, per ragioni di iter burocratico, non è possibile muovere il denaro raccolto per singole tranche, ma solo nel suo insieme, può portare alla tragica conseguenza che i fondi raccolti non raggiungono i terremotati per tempo.

Leggi anche: Cosa significa “LoL”?


Ora gli stessi dubbi e gli stessi problemi rischiano di manifestarsi nel caso del terremoto che ha colpito l’Italia centrale. Che fine fanno i soldi versati inviando un sms al 45500?
In un periodo difficile come quello che la nostra società sta vivendo, tra crisi economica e famiglie che fanno fatica ad arrivare a fine mese, gli italiani stanno dimostrando di essere, ancora una volta, solidali tra loro.

Inutile sottolineare quanto sia inopportuno far ritardare l’arrivo di quei fondi ai terremotati. Non hanno più una casa, non possiedono più ricordi legati alla loro vita. E’ anche irrispettoso nei confronti di tutti quegli italiani che, nonostante i mille problemi economici e i mille demoni che sono costretti ad affrontare durante il loro quotidiano, hanno deciso di donare del denaro a chi ne aveva bisogno.

L'articolo prosegue subito dopo


La speranza è che in questo caso si faccia tesoro delle passate esperienze e si cerchi di limitare il più possibile ogni ritardo nell’elargizione dei fondi. Un atto doveroso tanto quanto quello stesso di donare i 2 euro.

Leggi anche

vladimir-luxuria-in-bianco
Bologna

Vladimir Luxuria vestita da sposa per Bologna Sì Sposa Autunno

Vladimir Luxuria, nei giorni scorsi, ha posato vestita sposa per Bologna Sì Sposa Autunno, la fiera che si tiene a Bologna. Vladimir Luxuria, da sempre molto attenta e partecipe dei diritti dei gay, ha posato in un abito in bianco al Contemporary Wedding dichiarando che tutti hanno il diritto di essere liberi e di sposarsi, a prescindere dall'orientamento sessuale. Vladimir Luxuria, ex politica e vip del mondo dello spettacolo, è stata invitata a partecipare al Contemporary Wedding, la fiera che mostra gli abiti da sposa per il giorno più bello e non ha esitato a esprimere la sua opinione nei Leggi tutto

15 Commenti su Terremoto Emilia 2012: i soldi raccolti con gli SMS non sono mai arrivati ai terremotati

    • ..no..ma davvero!!? ma possibile che ogni raccolta dei fondi si riveli una fregatura?

    • Basterebbe questa affermazio per fare immaginare che questo articolo, e soprattutto la dichiarazione di Gabrielli, sia una bufala!!! Anche un ragazzino sa che non è possibile effettuare alcuna donazione o operazione commerciale se non c’è l’equivalente in euro! È una volta fatta l’importo viene immediatamente scalato e quindi nella totale disponibilità del gestore in tempo reale! Il quale ha l’OBBLIGO di trasferirlo nel più breve tempo possibile, settimane o al massimo qualche mese perché, in quanto somme non proprie, potrebbe essere chiamato in causa per APPROPRIAZIONE INDEBITA! Credo che ci sia invece una campagna di dissuasione messa in atto da alcune ore da ambienti che hanno interesse a fuorviare e scoraggiare! E non ricordò che simile campagna di dissuasione e’ stata fatta in occasione di eventi calamitosi o altro!!! E per Theleton succede anche così! E chi sono questi siti o giornali che stanno facendo questo terrorismo? VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA!!!

  1. nn verserò più nemmeno un cent . ci prendono per i fondelli a ogni piè sospinto . cercherò canali diretti , il resto è solo pubblicità o peggio

  2. "… i 15 milioni non sono versamenti ma promesse di versamento…" ?!?!
    Ma quando mai! Ogni volta che si invia un SMS il gestore sottrae dal credito i relativi 2 Euro!!!!!

  3. Le carte prepagate hanno soldi già versati… se non ho credito, non posso nemmeno promettere la cifra… e comunque le aziende in questione potrebbero benissimo fare un bel gesto ed eventualmente anticipare queste promesse, che al massimo avranno una latenza di 30-60gg per i contratti in abbonamento… il terremoto è successo a Maggio… :-/ …la terra dei cachi non si smentisce mai !!!

  4. humm… bufala?

    http://corrieredibologna.corriere.it/bologna/notizie/politica/2013/21-marzo-2013/terremoto-emilia-riparte-30-milioni-sms–212281905507.shtml

  5. Vi ricordate i soldi dei concerti del Pavarotti end friend? Non arrivarono mai a destinazione e ci fece una puntata report.

  6. Questa notizia è una bufala e chi l’ha scritta dovrebbe vergognarsi. Su questo sito sono elencate tutte le opere di ricostruzione fatte con quei soldi.
    http://www.donazionisisma.it/?page_id=70

  7. Per non scadere nel qualunquismo, l’articolista dovrebbe spiegare un po’ meglio il meccanismo di pagamento tramite sms. A due euro per sms vuol dire che sono stati mandati circa 7.000.000 di sms da telefoni che o non avevano neanche due euro nel credito telefonico, oppure nel caso di procedura intesa come “promessa di pagamento” significa che dopo l’invio di sms gli operatori non eseguono nessuna operazione per richiedere l’incasso. Oppure si tratta di una truffa o di un ritardo studiato ad hoc dagli operatori per speculare sui soldi incassati per beneficenza. Oppure di altro ancora… Ma chi scrive l’articolo mio parere dovrebbe spiegare, non dico in modo tecnico ma almeno in dettaglio la questione. Altrimenti è difficile non scadere nel qualunquismo. Questo paese non funziona anche a causa di articoli qualunquisti…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*