Terremoto in Emilia, gli ultimissimo sviluppi COMMENTA  

Terremoto in Emilia, gli ultimissimo sviluppi COMMENTA  

Un nuovo forte sisma di 5.1 gradi della scala Richter in provincia di Ferrara. Dopo il terremoto di magnitudo 6.0 della notte che ha provocato la morte di sei persone.  La scossa di oggi delle 15.18 ha buttato giù definitivamente la Torre dell’Orologio (detta anche la Torre dei Modenesi) di Finale Emilia, già fortemente lesionata dalle scosse di tutta la mattinata. A Sant’Agostino in provincia di Ferrara si è aperta una enorme voragine con nuovi cedimenti all’interno e all’esterno del Municipio. Il terremoto delle 15.18  è stato avvertito proprio mentre il capo del dipartimento della Protezione civile a Finale Emilia concludeva un briefing con i giornalisti. Tutti hanno avvertito il rumore di un muro che crollava. Nel frattempo un vigile del Fuoco è stato colpito da una tegola caduta da un tetto rimanendo ferito ma non gravemente. E’ stato poi trasferito in ospedale, in ospedale dove oramai era già iniziata l’evacuazione dei malati. «Il primo problema che stiamo ponendoci è quello di dare assistenza alle popolazioni» dichiara il presidente della Regione Emilia Romagna, Vasco Errani. 3000 gli sfollati per adesso, di cui 2.500 nel modenese e i restanti 500 in provincia di Ferrara. Sono già stati allestiti alcuni centri di prima accoglienza: pronti quelli di Camposanto e Medolla, mentre entro sera saranno finalmente operativi quelli di Finale Emilia, di San Felice e di Mirandola. Evacuati anche i  500 detenuti del carcere di Ferrara, tra cui alcuni collaboratori di giustizia. Un’ondata di maltempo attesa sul nord Italia per le prossime ore sconsiglia l’ospitalità in tenda, gli sfollati saranno probabilmente ospitati in strutture comunali e in alberghi. Sei le vittime:  due operai  in una fabbrica di ceramiche a S. Agostino sono morti sotto il crollo del tetto. Un altro operaio è rimasto vittima del crollo di un capannone industriale a Ponte Rodoni di Bondeno. Due donne sono morte a causa della paura: una donna tedesca a Sant’Alberto di S. Pietro in Casale, in provincia di Bologna, e una donna ultracentenaria a S. Agostino. Trovata infine un’altra vittima sotto le macerie della fonderia Tecopress di S. Agostino. Da Twitter gli utenti hanno testimoniato di aver avvertito la scossa in molte zone del Nord Italia.  Tutte le scuole di ogni ordine e grado, le biblioteche e i musei saranno chiusi nella giornata di domani lunedì 21 maggio e resteranno chiusi sino alle verifiche strutturali dei singoli edifici da parte di tecnici comunali e della Protezione Civile. Sospese inoltre,  fino a nuovo ordine, tutte le manifestazioni di pubblico spettacolo.

 “E’ probabile che strutture gia’ danneggiate possano aver subito altri problemi – spiega Egidi , responsabile regionale della protezione civile-  noi ci troviamo in saldo edificio di cemento armato che non mostra danni. Questa sera a Finale Emilia gli sfollati saranno aumentati: man mano che la gente sente continuare le scosse, lascia la casa e corre a cercare assistenza.  La piu’ forte delle scosse del pomeriggio e’ stata avverita dal ferrarese al modenese alle 15.18: una scossa di 5,1 della scala Richter. Coinvolti i comuni di Bondeno, Ferrara, Sant’Agostino, Bagnolo di Po, Gaiba, Malalbergo , Bentivoglio, Finale Emilia, Baricella. Al momento, secondo quato riferiscono i vigili dle fuoco di Ferrara, non si registrano nuovi crolli, anche se i cittadini stanno tempestando i centralini di telefonate.


Moltissime le telefonate che sono giunte ai carabinieri di Bologna a seguito dell’ultima scossa di terremoto avvertita da Modena a Ferrara e anche nel capoluogo emiliano.

Al termine della scossa ci sono stati diversi malori oltre a anziani in lacrime che gridavano: “basta  non ne possiamo piu'”.  “Purtroppo il tempo non sara’ dalla nostra parte: abbiamo l’esigenza di dare quanto prima una risposta alle persone che stasera avranno anche il maltempo contro”. Afferma il capo dipartimento della Protezione civile, Franco Gabrielli: ” Nuove scosse? Stanno nella natura di questo tipo di evento, a  grandi scosse ne seguono altre e non necessariamente questa e’ la scossa piu’ grande che ci sara’. Quello che è importante è la cautela: sui terremoti non si fanno previsioni, soprattutto non si approccia il problema con superficialita’ e improprie assicurazioni”. Intanto Palazzo Chigi ha diffuso una nota di Mario Monti: “Sara’ fatto tempestivamente tutto quello che e’ necessario nelle circostanze.

Esprimo tutta la mia vicinanza alle popolazioni delle zone colpite e il mio sentito cordoglio alle famiglie delle vittime. Per il tramite del Sottosegretario Antonio Catricala’ ho delegato il Prefetto Franco Gabrielli a coordinare i soccorsi e l’assistenza alle popolazioni. Attraverso di lui siamo in stretto contatto con le operazioni di soccorso.

L'articolo prosegue subito dopo

Sara’ fatto tempestivamente tutto quello che e’ necessario nelle circostanze”.

 

Leggi anche

About Chiara Cichero 1241 Articoli
Mamma, laureata, scrittrice incallita, ambientalista da una vita, esperta in Pnl, in comunicazione di massa e nel benessere emotivo. Maremmana per amore di questa terra tanto rigogliosa, fiorentina di nascita e di formazione. Blogger e redattrice on line, attualmente studentessa in Seo Web Marketing Specialist.

2 Commenti su Terremoto in Emilia, gli ultimissimo sviluppi

  1. Stamani, durante il terremoto ero, casualmente, sveglio.. : non c'è commento per descrivere il mio spavento, eppure vivo ad un centinaio di km dalla zona ini cui è stato individuato l'epicentro!
    Un sentito abbraccio a tutti gli abitanti dalla zona colpìta dal sisma.

  2. Certo che sono Cesare Bernabo'! Nessun dubbio in proposito : io sono io;
    non so se si tratti, forse, di un caso di omonimìa.. .

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*