Terremoto in Giappone : il “Maggio Fiorentino” vuol tornare. Renzi, invece, vuol partire

Firenze

Terremoto in Giappone : il “Maggio Fiorentino” vuol tornare. Renzi, invece, vuol partire

Firenze-Yokohama, 14 marzo 2011. Renzi vuol partire, il “Maggio” vuol tornare !
Controsensi a non finire anche sulla questione del ritorno del “Maggio Fiorentino” dalla tournèe in Giappone.
Da una parte il primo cittadino di Firenze vorrebbe raggiungere l’ orchestra diretta da Mehta per poter dare conforto e appoggio morale ai dipendenti ; dall’ altra i dipendenti stessi, che più che Renzi, avrebbero voglia di abbracciare genitori, mogli, mariti o figli.

A questo punto la spaccatura. Voci parlano di soli 4 dipendenti sulla via del ritorno, altre di 150 persone “sequestrate” da un contratto che le obbligherebbe in ogni caso a portare a termine il tour, pena la perdita del lavoro.
E si sa che di lavoro, di questi giorni, non se ne trova un granchè.

Quello che è certo è che nella notte metà della “spedizione” si è riunita, senza però trovare una decisione comune sul futuro del gruppo.
E’ vero, il governo giapponese non ha previsto evacuazioni, ma non aveva previsto nemmeno che i reattori delle centrali coinvolte dal terremoto potessero avere perdite come poi è realmente accaduto.
Quanto fidarsi quindi delle notizie ufficiali ?

Ma questa non è l’ unica domanda che i Fiorentini si stanno ponendo : a cosa può servire infatti il gesto del sindaco ?
Non sarà forse una delle solite sbrufonate o boutades alle quali Renzi ci sta abituando ?

Personalmente non trovo necessario rischiare la salute o addirittura la vita di centinaia di persone solo per mantenere alto il nome di Firenze nel mondo.
Anche perchè ai giapponesi, visto i tragici fatti accaduti, credo importi molto poco di una tournèe orchestrale; immagino che in questo momento abbiano bisogno di altre cose.
Ma forse mi sbaglio.

Cosa ne pensa lei, sindaco Renzi ?
E cosa ne pensano i parenti di coloro che sono in questo momento dall’ altra parte del mondo ?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*