Terrorismo Italia: innalzate le misure di sicurezza nei porti COMMENTA  

Terrorismo Italia: innalzate le misure di sicurezza nei porti COMMENTA  

L’allerta terrorismo si fa sentire anche in Italia con un innalzamento delle misure di sicurezza. E’ quanto deciso dalla Guardia Costiera in tutti i porti italiani destinati al traffico crocieristico e passeggeri. L’obiettivo è quello di individuare per tempo possibili rischi ed evitare qualsiasi rischio di attacchi improvvisi: nella fattispecie le misure di sicurezza prevedono un incremento dei controlli su veicoli e passeggeri. Non si tratta di un innalzamento legato a specifici allarmi ma ad una semplice necessità preventiva, allo scopo di aumentare l’attenzione sui porti, luogo di arrivi e partenze quotidiane di decine di migliaia di persone.


Il tutto in un contesto internazionale complesso, con un conflitto in Libia sempre più aspro e dato il periodo di forte traffico previsto negli scali.

La misura è stata comunicata dal comandante generale della Guardia Costiera Vincenzo Melone in una nota rivolta a tutte le Capitanerie di Porto ed è già operativa dalla giornata di ieri.

Il livello di sicurezza è stato innalzato da 1 a 2, il che prevede più controlli ai varchi portuali e su veicoli e passeggeri, oltre ad un monitoraggio ancora più attento di tutte le aree degli scali.

L'articolo prosegue subito dopo

Ogni porto deve dunque attivarsi nell’immediato al fine di adeguare i piani di sicurezza al nuovo livello e alle disposizioni comunicate in queste ore.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*