Test truccati: dopo la Volkswagen, tocca ai televisori della Samsung ?

Attualità

Test truccati: dopo la Volkswagen, tocca ai televisori della Samsung ?

Un recente studio pubblicato sul The Guardian ha dimostrato che i test truccati non riguardano soltanto le automobili, ma anche le aziende produttrici di materiale elettronico di largo consumo. Dopo lo scandalo che ha travolto i vertici della Volkswagen, adesso, una inchiesta analoga potrebbe riguardare i vertici della Samsung, i cui test sui consumi energetici dei propri apparecchi televisivi potrebbe essere stato truccato, celando consumi ben più elevati.

Lo studio è stato eseguito dalla ComplianTv ed avrebbe rivelato che la funzione Motion lighting installata nei televisori coreani riduce sensibilmente ‘la luminosità dello schermo e quindi il consumo di energia nelle condizioni di test della Commissione elettrotecnica internazionale che prevedono la riproduzione di sequenze rapide di vari materiali come programmi tv registrati, dvd e trasmissioni in diretta’. Ma quello che viene nascosto al consumatore è che in condizioni reali, sottolinea lo studio pubblicato sul Guardian, “non ci sono riduzioni di consumi di energia”.

Il The Guardian ha contattato un funzionario di Samsung per chiedere chiarimenti in merito.

L’intervistato ha chiarito che “non c’è nessun paragone tra la funzione Motion lighting e i dispositivi di disattivazione delle emissioni del caso Volkswagen”.

La Samsung si è difesa sostenendo che la funzione sotto accusa non è stata progettata con il fine di ingannare o manipolare i test sull’efficienza energetica ma solo per ridurre la luminosità dello schermo calibrandola ai vari contenuti tv (film in rapidi movimenti o filmati più lenti).

Ma un report contenuto in uno studio effettuato a febbraio dalla Complian Tv ha rivelato che ‘diversi comportamenti dei televisori suggerivano la possibilità che gli apparecchi riconoscano una procedura di test e adattino di conseguenza il consumo di energia’.

Della questione se ne occuperà in futuro la Commissione Europea, che indagherà sui test di efficienza energetica al fine di ‘stanare’ i cosiddetti meccanismi di ‘manipolazione’ che di fatto alterano i test.

Leggi anche