Tg La7, il sondaggio politico COMMENTA  

Tg La7, il sondaggio politico COMMENTA  

Lunedì sera, nel corso del Tg di La7 condotto da Enrico Mentana, sono stati diffusi i dati dell’ormai usuale sondaggio politico circa le intenzioni di voto degli italiani.

Al primo posto rimane il Partito Democratico con il 30.5%, seguito dal Movimento Cinque Stelle con il 27.6%. Poi la Lega Nord con il 15.3% e Forza Italia con il 12.1%. Fratelli d’Italia rimane stabile con il 4.9%, come Sinistra Italiana con il 3.5%, mentre il Nuovo Centro Destra è al 2.9%. In leggero calo il Partito Democratico, che ha registrato un -0.3% rispetto al sondaggio della settimana precedente, mentre la Lega Nord e Forza Italia hanno ottenuto un leggero aumento: +0.2% per la prima e +0.1% per la seconda.

Impressionante, ma non sorprendente, purtroppo, il dato relativo all’astensionismo, che sarebbe superiore al 40% (42.2%), con un aumento di +0.4%. In crescita anche gli indecisi (+0.3%) che assommerebbero al 17.6% dell’elettorato.

Importante anche la rilevazione in merito ad un eventuale ballottaggio fra i primi due partiti (in conformità con la nuova legge elettorale promossa dall’esecutivo di Matteo Renzi), in cui il Partito Democratico arriverebbe al 47.8% (con calo di -0.2%) e risulterebbe sconfitto dal Movimento Cinque Stelle, che raggiungerebbe invece il 52.2% con trend di crescita +0.2%. In un ipotetico ballottaggio fra il Partito Democratico e una coalizione di centro destra con Lega Nord e Forza Italia, prevarrebbe il primo con il 51.8%, contro il 48.2% dello schieramento avversario.

Il ballottaggio, infine, fra Movimento Cinque Stelle e coalizione di centro destra vedrebbe vincere il primo con il 53.6% contro il 46.4% dell’alleanza Lega – Forza Italia.

Si tratta di rilevazioni di scarso interesse in termini di risultato in una effettiva consultazione di tipo politico, ma che, comunque, fotografano piuttosto bene il momento per nulla semplice del partito di governo, ferito – è innegabile – dalla vicenda dell’ex sindaco Ignazio Marino e dalle polemiche che accompagnano i diversi progetti di riforma.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*