The Darkness II fa a pezzi gli avversari

Videogiochi

The Darkness II fa a pezzi gli avversari


The Darkness II vi porta in un mondo di sete di sangue, pietà e amore, in una cruenta meditazione riuscita sulla violenza e la pazzia. In The Darkness II, voi giocate come Jackie, un uomo che ospita spiriti demoniaci ed è tormentato dal suo amore perduto, Jenny. Il gioco ha una profondità emotiva che altri videogiochi evitano del tutto o affrontano in maniera leggera e divertente.

Il successo del videogioco sta nell’intenso gioco. Tenere due armi contemporaneamente è diventato un meccanismo comune negli sparatutto in prima persona contemporanei, ma The Darkness II rende possibile tenerne quattro. Jackie ha due braccia umane, che sparano con la pistola, e due braccia demoniache a forma di serpente, che si nutrono, letteralmente, del sangue dei nemici. Non manca certo la varietà in questo gioco: man mano che il gioco va avanti, Jackie diventa più forte e voi potete scegliere tra una varietà di abilità e talenti che vi consentono nuovi metodi di assassinio, mentre il terreno e le atmosfere cambiano spesso.

Il gioco vi costringe a diventare malvagi: in più modi ucciderete i vostri nemici, più “Essence Points” guadagnerete, che vi permetteranno di diventare più forte. Vi ritroverete a scivolare verso il lato oscuro che vive dentro Jackie, e gli effetti saranno sorprendenti.

Il gioco è ambientato in un mondo da fumetto e la grafica rispecchia questo aspetto: le ombre e la trama sono diverse da quelle della maggior parte dei giochi tradizionali. Il mondo è molto interattivo. Potete sollevare e distruggere la maggior parte degli oggetti, e sarà interessante parlare con i personaggi minori che incontrerete. C’è un piccolo personaggio demoniaco che segue Jackie durante il gioco, e il dialogo con lui è avvincente e credibile, e promuove l’idea di interpretare una storia anziché limitarsi a uccidere cose. Come in un fumetto, ogni battaglia che ingaggerete avrà un’idea di base: un senso di tradimento, vendetta o rabbia. Il gioco e i dettagli funzionano davvero bene insieme, per creare un mondo che ha un senso di urgenza, mentre la fumosa oscurità permea ogni aspetto del gioco.

Il segreto di The Darkness II è il suono.

Non ci sono intoppi che si notano, come il vedere attraverso muri o immagini bizzarre, quando aprite le porte. I movimenti dei personaggi sono fluidi e corrispondono alle loro emozioni.

Tutto sommato, The Darkness II è un videogioco creativo, sia per quanto riguarda il gioco che il suo mondo. I produttori hanno saputo abbinare l’aspetto del gioco a quello della storia, ed entrambi questi aspetti sono sapientemente intrecciati per un’esperienza avvincente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche