Tintarella lampo con l’autoabbronzante COMMENTA  

Tintarella lampo con l’autoabbronzante COMMENTA  

Anche se la bella stagione è arrivata, non hai ancora tempo di andare al mare per prendere un pò di tintarella? Vuoi scoprire il corpo ma vorresti avere un bel colorito per mimetizzare meglio i difettucci? L’autoabbronzante è una soluzione rapida e facile, soprattutto per chi sta sempre in giro e non ha mai il tempo di mettersi al sole.


Prima di tutto, cerchiamo di capire come funzionano i prodotti autoabbronzanti. Il colore che si ottiene applicando tali prodotti è il risultato di una reazione chimica. I cosmetici autoabbronzanti contengono diidrossiacetone Dha, una molecola derivata dallo zucchero che si lega agli aminoacidi più superficiali della pelle e dà origine a pigmenti più o meno scuri, a seconda del tipo di carnagione.


Per avere un buon risultato, cioè un colore omogeneo senza lacuna macchia, è importante applicare e stendere i prodotti nel modo giusto.

Il primo step consiste nell’esfoliare. E’ utile preparare la pelle con uno scrub, in modo da favorire l’uniformità dell’effetto bronze. L’esfoliazione rimuove le cellule morte, elimina le impurità e migliora l’idratazione. Meglio utilizzare esfolianti a base di semi di vinacciolo o di albicocca, polveri o sabbie.


Applicare l’autoabbronzante non è facile, soprattutto nelle parti più nascoste, come la zona posteriore delle gambe e braccia e intorno alle articolazioni, dove il prodotto tende ad accumularsi, cioè in corrispondenza di gomiti, ginocchia e caviglie.

L'articolo prosegue subito dopo

E’ consigliabile stendere l’autoabbronzante con un attento massaggio. Per il viso, va utilizzata una noce di prodotto da passare con cura anche sul collo, per evitare stacchi.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*