Tipi di pagliaccio attraverso i secoli COMMENTA  

Tipi di pagliaccio attraverso i secoli COMMENTA  

Quando pensiamo ai pagliacci del 21 ° secolo, di solito vediamo vestiti con colori sgargianti, buffe parrucche, scarpe enormi, facce truccate di bianco e trucchi da circo. Questa tipologia è parte della tradizione clownesca, ma la figura risale a migliaia di anni fa e nel corso dei secoli è stata sempre rivisitata.

   Tempi antichi

Una delle prime apparizioni del pagliaccio può essere trovata nelle corti degli antichi Egizi, dove pigmei africani venivano coperti con maschere e pellicce  e danzavano per compiacere i faraoni. Nell’antica Grecia, attori vestiti con tuniche imbottite e con falli artificiali mettevano in scena buffe acrobazie,  mentre a Roma, c’erano alcune tipologie come la figura dello Stupidus calvo, che indossava abiti variopinti e faceva le imitazioni e la figura del mimo Sannio.

     Medioevo

Nel medioevo e nei secoli successivi fanno la loro apparizione i giullari. Vivevano esibendosi a corte e presso i palazzi nobiliari e, rispetto al popolo, godevano di incredibile libertà di parola. Potevano criticare governanti e membri del clero, e spesso prendere la parola su questioni sociali in cui nessun altro avrebbe potuto. Altri giullari erano meno impegnati socialmente e intrattenevano con piacevoli ballate, giocoleria, narrazione e canto.


    Commedia Dell’Arte

Molte delle varianti del pagliaccio esistenti ancora oggi sono state sviluppate in Italia, tra il ‘500 e il ‘700. Arlecchino, per esempio, con il suo abito a rombi colorati nasce in questi secoli, così come il pallido Pierrot. Entrambi i tipi di pagliaccio sono nati nel teatro di strada italiano, che ha prosperato durante i secoli 16 e 17 ed era conosciuto come commedia dell’arte. Questi commedianti usavano burattini, giocoleria, mimi e trucchi per intrattenere la folla.


   Russia ottocentesca

Ispirato ai giullari delle corti medievali, il pagliaccio è diventato popolare in Russia dal 19 ° secolo al 20 ° secolo, con  la creazione di scuole di giocoleria per consentire lo studio di questa arte. Questi pagliacci avevano maschere da teschio e usavano animali addestrati, ma erano anche maestri della satira, facendosi beffe dei politici e funzionari.

L'articolo prosegue subito dopo


    Sviluppo dei clowns moderni

Il pagliaccio ha continuato ad evolversi in molti paesi del mondo durante il 19 ° secolo. Nel 1840 debutta Yankee Dan, un artista del circo che aveva una somiglianza sorprendente alla figura patriottica dello zio Sam, con pizzetto e cappello a cilindro. In Germania, l’eccentrico Tom Belling indossava costumi buffi e lavorava nei circhi, mentre l’inglese Joseph Grimaldi divenne noto per le sue espressioni facciali esagerate e l’uso del make-up bianco, su cui disegnava motivi colorati gettando le basi del pagliaccio tipico che conosciamo.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*