Tiziana Cantone: è giallo sui cori degli ultras del Treviso

Cronaca

Tiziana Cantone: è giallo sui cori degli ultras del Treviso

Tiziana Cantone
Tiziana Cantone: è giallo sui cori degli ultras del Treviso

Alcuni tifosi del Treviso avrebbero intonato dei cori contro Tiziana Cantone, la ragazza suicidatasi dopo la diffusione di un video hard.

Ormai sembra inevitabile parlare di Tiziana Cantone, la donna napoletana suicidatasi alcuni giorni fa, a causa della diffusione di un video porno che l’aveva resa famosa, suo malgrado.

Anche dopo la morte della ragazza, soprattutto sul web, si è continuata a denigrarla. Ma la gogna non si è consumata soltanto sul web, anche se è d’obbligo il condizionale riportando quanto è accaduto, anzi, sarebbe accaduto durante la partita tra il San Giorgio Sedico e il Treviso, partita del campionato di Eccellenza, Girone B.

Secondo alcuni siti, i tifosi del Treviso si sarebbero macchiati di un gesto vergognoso, intonando cori contro Tiziana Cantone, colpevole non si sa di cosa. È bene ribadire che in tutta questa vicenda la vittima è lei, invece la lista di carnefici si allunga sempre più, ogni giorno che passa. Le orde di pseudo-moralizzatori hanno sferrato e continuano a sferrare i loro attacchi con ferocia inaudita: è tornata la Santa Inquisizione!

Ma sui cori contro Tiziana Cantone è giallo. Perché alle notizie rilanciate in rete, mancano le conferme sia da parte dei dirigenti delle due squadre, sia da parte della polizia.

A fare luce sulla vicenda ci prova il sindaco di Sedico, Stefano Deon che interpellato da Il Corriere Veneto, ha detto:

Da quanto mi risulta nessun coro è stato intonato all’interno dello stadio. È possibile, ma è solo una voce che mi è arrivata, che le frasi siano state pronunciate da un gruppetto di tifosi che stava abbandonando lo stadio. Se fosse vero, sarebbe censurabile.

In passato tantissime tifoserie si sono rese protagoniste di striscioni e cori vergognosi, accade su tutti i campi: da quelli di periferia fino ai grandi stadi ma, in mancanza di conferme da parte di fonti autorevoli, non saremo noi a puntare il dito contro gli ultras del Treviso.

E anche se la storia dei cori beceri dovesse essere vera, non andrebbe criminalizzata un’intera tifoseria per colpa dei soliti quattro imbecilli frustrati: forse un giorno si guarderanno allo specchio e avranno la decenza di vergognarsi di se stessi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...