Torino, a 17 anni anni accoltella il padre COMMENTA  

Torino, a 17 anni anni accoltella il padre COMMENTA  

Era un pomeriggio come tanti in via Orvieto, Torino, quest’ oggi. Poi però qualcosa è andato storto. una litigata, l’ennesima tra un ragazzino di 17 anni e suo padre, 64 anni, il ragazzo che tira fuori un coltello e inizia a pugnalare il padre, le urla, il fratello che lo ferma, il padre che cade ferito.

Leggi anche: Segano sbarre e si calano giù con le lenzuola: in due evasi da Rebibbia


Tutto questo è avvenuto nel pomeriggio in una casa a pochi passi dal Parco Dora. Sono intervenuti immediatamente i sanitari che hanno trasportato l’uomo all’ospedale Molinette in codice rosso, dove è giunto in condizioni critiche, ma  attualmente non è in pericolo di vita.

Leggi anche: Classifica di vivibilità: Napoli ultimo posto


Il ragazzo, secondo le prime indiscrezioni raccolte, recentemente era scappato di casa e non era raro che litigasse con il padre. Circa un mese fa lo stesso ragazzo scappando di casa pare abbia detto che voleva diventare un killer. Parole che sanno di un macabro avvertimento di quello che avrebbe poi fatto.


 

Leggi anche

alecsandra-puflea-2
News

Ragazza cacciata dall’hotel perché scambiata per una prostituta

Episodio di razzismo denunciato a Ferensway, nel Regno Unito. Una ragazza rumena, Alecsandra Puflea, 22 anni, studentessa di Criminologia all'Università di Hull, si è vista rifiutare la camera di un hotel, l’Holiday Inn Express, che aveva prenotato online, perché scambiata per una prostituta. Era insieme al suo fidanzato. Dopo aver visto la sua carta d'identità, l'addetto alla reception l'ha mandata via, dicendo che l’albergo non accettava clienti rumeni - neanche il fatto chela studentessa abbia mostrato la sua patente britannica, è servito - . Poi la struttura si è scusata, dicendo di aver stabilito “quella” regola perché alcune ragazze provenienti dalla Romania erano state scoperte Leggi tutto

1 Trackback & Pingback

  1. Torino, a 17 anni anni accoltella il padre | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*