Torino, sesso in cambio di un posto in squadra: due allenatori arrestati - Notizie.it
Torino, sesso in cambio di un posto in squadra: due allenatori arrestati
Cronaca

Torino, sesso in cambio di un posto in squadra: due allenatori arrestati

Scandalo in una squadra di calcio giovanile di Torino. Due allenatori, uno di 20 e l’altro di 50 anni, Maicol Poerio e Gianfranco Dugo, del club Atletico Nsc, sono stati arrestati e un arbitro ha avuto l’obbligo di firma, poichè accusati di aver preteso da alcuni ragazzini favori sessuali in cambio magari di un posto da titolare nel team, arrivando alla vera e propria violenza sessuale. E’ emerso anche che talvolta i minori non si rendevano subito conto degli abusi, ma credevano che quelle “attenzioni” significassero di essere “speciali” per gli individui che gliele dimostravano, approfittando della loro ingenuità.

I tre indagati avrebbero adescato i giovanissimi su Internet e avuto con loro molti contatti via chat sul cellulare, per poi ottenere immagini pedo-pornografiche da scambiarsi e diffondere. Le indagini sono state condotte in un anno dalla Polizia Postale di Torino, diretta da Paola Capozzi, e coordinate dal pubblico ministero Dionigi Tibone, a seguito della denuncia da parte di un 15enne, il quale aveva confidato alla propria madre che una notte, Poerio si era infilato nel suo letto – il giovane mister, infatti, riusciva a stringere tali rapporti d’amicizia con i minori che allenava, che li induceva anche a fidarsi a dormire a casa sua, traendo in inganno pure i loro genitori -.

Sembra che lo stesso allenatore, quando aveva 12 anni, sia stato a sua volta abusato da Dugo, con cui era comunque rimasto in rapporti. Dugo aveva cambiato diverse squadre negli ultimi anni. proprio perché coinvolto in molestie sessuali sui ragazzini che era chiamato ad allenare. Ora Poerio è ai domiciliari, mentre il mister più anziano è finito dietro le sbarre.

Sarebbe coinvolto nella vicenda anche un architetto, Massimiliano S., arbitro di in partite amichevoli nel tempo libero. Per quest’ultimo è stato disposto l’obbligo di dimora. Le indagini si sono estese anche ad altri club sportivi, dato che non solo Dugo, come già detto, ma anche Poerio, ne hanno cambiati diversi negli ultimi tre anni. Purtroppo il caso avvenuto nell’Atletico Nsc non è isolato: l’ex allenatore dell’Inter, Roberto Mancini, il quale ha appena partecipato a Roma ad un convegno di presentazione del progetto benefico “Calciatori per Unicef”, ha ammesso l’esistenza del “fenomeno”, affermando la necessità di “andare a fondo” sulla questione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche