Tornano martedì in Italia i due torinesi arrestati in Turchia

Prima Pagina

Tornano martedì in Italia i due torinesi arrestati in Turchia

“Non ci pentiamo di nulla”, affermano in una missiva diramata su Internet i due torinesi fermati dalle autorità di Ankara al confine tra Turchia e Siria. I due erano di ritorno da una missione umanitaria con la “Carovana per il Rojava” attraverso la quale avevano portato assistenza e aiuto alla popolazione curda della città di Kobane. La regione risulta essere accerchiata dai militanti dell’Isis. I due hanno fatto sapere che saranno in Italia nel tardo pomeriggio di martedì prossimo, portandosi nel cuore Kobane, Rojava e lo stupendo popolo curdo.

I due autonomi hanno inoltre dichiarato: “Siamo sempre più convinti dei motivi che ci hanno indotto a partire dieci giorni fa. Ci auguriamo che si rafforzi e che il mondo si mobiliti per la fine dell’embargo turco”. Il messaggio è stato scritto all’interno della struttura detentiva di Urfa, dalla quale i due torinesi autonomi hanno detto: “Stiamo bene e il morale è alto”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche