Torta in faccia alla prof, studente espulso dalla scuola COMMENTA  

Torta in faccia alla prof, studente espulso dalla scuola COMMENTA  

77

Doveva essere solo uno scherzo ‘simpatico’ ma è finito male per uno studente inglese di 18 anni, che è stato espulso dall’Altichram Grammar School per aver tirato una torta in faccia alla sua insegnante. E’ accaduto all’ingresso dell’istituto: il giovane pensava di fare uno scherzo simpatico per festeggiare la fine dell’anno scolastico ma la prof non l’ha presa bene e ha lamentato di aver avuto problemi agli occhi in seguito alla torta ricevuta in faccia. A testimonianza del gesto c’è un video che ha messo il ragazzo nei guai: inizialmente infatti dopo essere stato portato al commissariato e interrogato dalla polizia, lo studente se l’è cavata chiededo scusa all’insegnante.

Leggi anche: Usa 2016: la squadra di Donald Trump


Ma quando il video è stato postato in rete, per il ragazzo sono iniziati i veri guai: la scuola ha infatti pensato bene di espellerlo dall’istituto anche se lo studente ha deciso per tutta risposta di lanciare una petizione raccogliendo 358 firme, per spiegare che era tutto un gioco e che non intendeva far male a nessuno. Da parte dei dirigenti scolastici però, almeno per ora, non sembra esserci l’intenzione di cambiare idea…

Leggi anche: Terremoto Nuova Zelanda: fondale marino innalzato di ben 2 metri

Leggi anche

alecsandra-puflea-2
News

Ragazza cacciata dall’hotel perché scambiata per una prostituta

Episodio di razzismo denunciato a Ferensway, nel Regno Unito. Una ragazza rumena, Alecsandra Puflea, 22 anni, studentessa di Criminologia all'Università di Hull, si è vista rifiutare la camera di un hotel, l’Holiday Inn Express, che aveva prenotato online, perché scambiata per una prostituta. Era insieme al suo fidanzato. Dopo aver visto la sua carta d'identità, l'addetto alla reception l'ha mandata via, dicendo che l’albergo non accettava clienti rumeni - neanche il fatto chela studentessa abbia mostrato la sua patente britannica, è servito - . Poi la struttura si è scusata, dicendo di aver stabilito “quella” regola perché alcune ragazze provenienti dalla Romania erano state scoperte Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*