Torta Paradiso: storia del dolce COMMENTA  

Torta Paradiso: storia del dolce COMMENTA  

torta paradiso

La torta Paradiso è uno dei dolci italiani più semplici e amati. Ma qual è la sua storia? Dove è nata e perché si chiama proprio così? Ecco le sue origini.


Chi immaginerebbe mai che il merito della torta Paradiso sia da attribuire a un frate, per la precisione, a un frate erborista? Per quanto strano possa sembrare, è grazie al frate in questione se la questo dolce è diventato così famoso e amato. Il nome però non è stato lui a sceglierlo, ma vediamo di ripercorrere le tappe della storia. La torta Paradiso in origine era la torta Vigoni, e, ancora adesso, l’omonima pasticceria di Pavia produce questa prelibatezza. La torta Paradiso, o Vigoni che dir si voglia, nacque quindi a Pavia. Un frate erborista della Certosa, che andava in cerca di erbe per i propri decotti e rimedi medicinali, pare che fosse avvezzo a violare la Regola dei religiosi. Ai frati non era permesso uscire dalla Certosa, né varcare il recinto. Ma il frate della storia lo varcava abitualmente.


Durante una delle sue escursioni alla ricerca di erbe, incontrò una giovane sposina originaria di Parona, un comune vicino Pavia. Proprio la sposina gli fece assaggiare la famosa torta. Trovando il dolce delizioso e irresistibile, il frate decise di tentare un ultima evasione dalla Certosa per farsi dare la ricetta dalla sposina.

Il priore si era però accorto che uno dei suoi frati non rispettava la Regola, così lo rinchiuse nel monastero. Per fortuna il frate era riuscito ad ottenere la ricetta e, per ricordare la gentile fanciulla e passare il tempo, si dedicò alla preparazione della torta Paradiso.

L'articolo prosegue subito dopo

I confratelli rimasero così colpiti dalla bontà della torta che non riuscirono a resisterle, ribattezzandola torta Paradiso. Chissà se la storia è andata davvero così, certo è che la semplice bontà di questa torta non smetterà mai di conquistare grandi e bambini, oltre che frati.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*