Tortora, Nassirya, Petrucci: i nomi nuovi delle strade di Napoli COMMENTA  

Tortora, Nassirya, Petrucci: i nomi nuovi delle strade di Napoli COMMENTA  

I nuovi protagonisti delle strade di Napoli hanno nomi conosciuti ai più, sono martiri della guerra, della giustizia, dello spettacolo. Enzo Tortora, i caduti di Nassirya, il caporal maggiore Pietro Petrucci: questi gli aggiornamenti toponomastici del capoluogo campano, approvati dal consiglio comunale, comunicata oggi al quotidiano “La Repubblica” dall’assessore Alfredo Ponticelli.
‘Via Enzo Tortora’ si troverà nei pressi del carcere di Secondigliano o, in alternativa, di quello di Poggioreale. L’ubicazione non sembra però avere alcun legame con la storia del celebre conduttore tv, vittima di un errore giudiziario che balzò alle cronache nazionali. Quel “caso Tortora” che, dal giugno 1983 sconvolse e commosse i milioni di fan dell’uomo di Portobello. L’accusa di associazione a delinquere, condita da testimonianze di alcuni ‘pentiti’, troncò la carriera lucente di Tortora. A nulla servì la sua assoluzione, decretata dalla Corte di Cassazione nel giugno 1987: Tortora, che intanto era tornato in tv, morì, ammalato e stanco, meno di un anno dopo.
La via intitolata ai caduti di Nassirya sarà nel quartiere di Bagnoli, mentre nel centrale quartiere Stella una strda sarà dedicata a Pietro Petrucci, uno dei carabinieri che, nell’attentato del novembre 2003, mor’ nella città irachena.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*