Totti: “Luis Enrique è un grande allenatore, vogliamo fare grandi cose con lui”

Con la vittoria contro l’Udinese la Roma si è rilanciata in ottica terzo posto anche grazie alle contemporanee sconfitte di Lazio e Napoli. E’ stata una vittoria importante anche per ricucire i rapporti con la tifoseria dopo la pesante sconfitta con il Lecce.

Leggi anche: Champions 2016, vincono Napoli e Barcellona, cade il Bayern Monaco

Uomo simbolo della vittoria di ieri è stato Francesco Totti che ha segnato l’importantissimo gol del momentaneo 2-1, il quinto in campionato e il numero 212 in serie A.

Leggi anche: Champions League: Juventus-Siviglia, le probabili formazioni e le ultimissime

Con lui in campo la Roma è un’altra squadra, gioca meglio, ha più fiducia. Il capitano giallorosso al termine della partita ha rilasciato alcune dichiarazioni che oltre ad esprimere la felicità per il gol e la vittoria, esaltano Luis Enrique.

Soprattutto per quei cinque secondi fantastici, sia per il risultato di Torino che per quello di Roma; i tre punti erano importanti. Secondo me Luis Enrique è un grande allenatore, e una persona vera: ci mette sempre la faccia, si prende la responsabilità per tutti.

L'articolo prosegue subito dopo

A Roma non è mai facile prendersi la colpa di cose come quelle che sono accadute la scorsa settimana. Noi speriamo di fare grandi cose insieme a lui”.
Per di più nonostante le continue battute d’arresto, la Roma è ancora lì, ancorata al terzo posto: “Siamo a quattro punti, dobbiamo continuare con questa grinta e questa foga, poi alla fine tireremo le somme”.

Leggi anche

champions-2016
Calcio

Champions 2016, vincono Napoli e Barcellona, cade il Bayern Monaco

Il turno di Champions 2016 ha regalato al Napoli la soddisfazione della prima vittoria europea sul terreno di casa in questa stagione. Seconda giornata della Champions 2016 e seconda vittoria per il Napoli di Sarri. I partenopei hanno dominato la sfida con il temuto Benfica, disunendosi solo nell'ultima parte di match, a risultato acquisito. Vantaggio di Hamsik dopo 20 minuti e 1-0 mantenuto fino alla fine del primo tempo. Nella ripresa, circa 10 minuti da incubo per i portoghesi. Al 51 esimo va in rete Mertens, al 54 esimo 3 a 0 a firma di Milik e al 58 esimo Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*