Tour de France 2015 3a tappa: Froome in maglia gialla

Sport

Tour de France 2015 3a tappa: Froome in maglia gialla

La terza tappa del Tour de France assegna già la maglia gialla a Chris Froome, uno dei super favoriti per la vittoria finale.

I rivali non hanno distacchi incolmabili, affatto, ma quello di oggi è pur sempre un verdetto: un piccolo obiettivo raggiunto, tanto da far dire a Froome che lui è venuto in Francia per la maglia da leader e, intanto, quella maglia ce l’ha lui.

Che quella di oggi sarebbe stata una tappa movimentata lo si sapeva fin dall’inizio – 100 km tranquilli e, poi, gli ultimi 60 (circa) sulle strade della Freccia Vallone, uno strappo dopo l’altro, curve e discese, senza mai un attimo di pausa, fino al finale, sul terribile muro di Huy – ma, a battezzare l’inizio della parte più impegnativa della tappa ci ha pensato anche una rovinosa caduta, che ha stravolto gruppo e, in fin dei conti, classifica.

In pieno rettilineo, a gruppo compatto, un corridore aggancia la ruota posteriore di un altro, innescando una serie di urti, deviazioni e scivolate che fanno finire gambe all’aria un gran numero di ciclisti, fra cui la maglia gialla Fabian Cancellara.

Qualcuno resta giù, qualcun altro si alza malconcio. La direzione della corsa decide per la neutralizzazione, forse per non compromettere in modo eccessivo la tappa.

Quando si riparte, davanti si mette la Tinkoff Saxo di Contador, che controlla la testa della corsa fino all’imbocco del muro di Huy.

Qui, dall’ammiraglia Sky forse dicono a Froome di tirare finché ne ha, per andare a vincere o, almeno, prendere gli abbuoni, perché, a conti fatti, con Cancellara malridotto e attardato, c’è la possibilità di prendersi la maglia gialla. Il britannico non si fa pregare, si alza sui pedali e parte agilissimo, seguito da Contador e, poche posizioni più indietro, da Nibali e Quintana.

La strada che sale risveglia gli istinti di Joaquin Rodriguez, lo spagnolo già terzo nel 2013, che, nel punto più difficile del muro, riesce ad accelerare e a mettersi davanti. Froome lo segue, quasi ce la fa, poi finisce per perdere qualche metro, appena prima del traguardo, dove passa per secondo dietro all’incontenibile Rodriguez.

Nel frattempo, però, lo spavaldo Contador si inceppa e scivola indietro, mentre Nibali e Quintana salgono con il loro passo, senza farsi coinvolgere più di tanto.

Dall’ammiraglia avevano ragione, perché Froome si prende la maglia gialla per un secondo, per la delusione del tedesco Tony Martin.

Contador passa a 17″ da Rodriguez, mentre Nibali e Quintana a 11″.

Domani tappa movimentata e lunga (223.5 km), da Seraing a Cambrai.

1 Trackback & Pingback

  1. Tour de France 2015 3a tappa: Froome in maglia gialla | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche