Tradizioni nuziali dell’India orientale

Matrimonio

Tradizioni nuziali dell’India orientale


Le tradizioni nuziali dell’India orientale includono principalmente le usanze nuziali del Bengala orientale, dell’Assam, dell’Orissa e di altri stati nord-orientali dell’India. Gli indù credono che ci siano quattro stadi nella vita, dei quali la vita matrimoniale o “Grahastha Ashram” è la seconda. E’ considerata un’istituzione molto importante – lo stadio nel quale vengono insegnati i valori della vita. I matrimoni indiani sono ricchi di rituali simbolici e, nonostante le diversità culturali, linguistiche e di stili di vita dell’India, i matrimoni indù attraverso la nazione condividono alcune caratteristiche comuni.

Borjatri: il corteo dello sposo

La cerimonia nuziale inizia con il corteo dello sposo all’ingresso della casa della sposa, dove la parente più anziana lo benedice, appoggiando il “Baran Dala” sulla sua fronte e poi per terra. Poi, allo sposo vengono serviti dolci e sorbetto, gli viene spruzzata addosso un po’ di acqua di rose, dopodiché egli può entrare in casa.

Shubho Drishti: il rito nuziale

La cerimonia vera e propria inizia durante il rituale “Shubno Drishti”, quando la sposa e lo sposo dapprima si guardano e si scambiano le ghirlande chiamate “Mala Badal”, tra canti e mantra.

Segue il rituale del “Saat Paak”, dove la sposa si siede su uno sgabello di legno basso, che viene sollevato dai suoi fratelli e portata sette volte verso lo sposo, a simboleggiare la loro eterna unione.

Sampradan: trasferimento di responsabilità

Durante il “Sampradan”, il padre della sposa o lo zio più anziano trasferisce la responsabilità di sua figlia o di sua nipote allo sposo. Poi, gli sposi si muovono intorno a un fuoco, scambiandosi le promesse nuziali in un rito chiamato “Saptapadi”.

Basar Ghar: il benvenuto della famiglia della sposa

La famiglia della sposa accoglie gli sposi con una cena sontuosa, chiamata “Basar Ghar”. Il mattino seguente, lo sposo applica il color vermiglio sulla fronte di sua moglie in quello che viene definito “Bashi Biye” e poi insieme visitano il “Mandap”, per onorare il Dio Sole. Segue il “Bidaai”, dove la famiglia della sposa le dice addio.

Bou Baran: il benvenuto della famiglia dello sposo

La famiglia dello sposo celebra il rituale del “Bou Baran”, per dare il benvenuto ai neo-sposi nella loro casa.

La sposa bagna i suoi piedi nell’Alta e nel latte e lascia le impronte, mentre entra in casa. Tutti i membri della famiglia danno la loro benedizione. Poi, è il turno della sposa che deve servirli in una cerimonia chiamata “Bou Bhat”, dove anche lei consuma il primo pasto in casa di suo marito. La sera, la famiglia dello sposo tiene un ricevimento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche