Tragedia a Molfetta, padre e figlio morti in una cisterna COMMENTA  

Tragedia a Molfetta, padre e figlio morti in una cisterna COMMENTA  

molfetta-padre-figlio-morti-cisterna-600x300

Ancora un incidente fatale sul lavoro, ancora a Molfetta, non lontano dallo stabilimento Truck Center dove morirono cinque persone nel 2008. Stavolta l’incidente è avvenuto durante la pulizia di una cisterna interrata, affidata ad operai di una ditta esterna. Mentre uno di loro, di 21 anni, si è calato nella cisterna, il coperchio del tombino gli è caduto e ha cercato invano di recuperarlo. Mentre effettua questa operazione, sbatte la testa contro qualcosa.

Leggi anche: ZeroCalcare, profilo oscurato su Facebook


A quel punto gli altri due operai, padre e figlio, cercano di aiutarlo a risalire, ma scivolano e perdono la vita annegati. La Procura di Trani ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo.

Leggi anche: Vuole vestiti firmati, obbliga il ragazzo diciannovenne a prostituirsi

Il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, ha espresso cordoglio per le due vittime e ha rinnovato l’invito ad utilizzare tutte le misure di sicurezza a disposizione dei lavoratori per impedire gravi incidenti come questo.

Leggi anche

Khakassia meteorite
News

Khakassia: esplode un meteorite gigante

Un vero spettacolo quello avvenuto in Repubblica di Khakassia,  Siberia sud-ovest: una  grande palla di fuoco esplode nel cielo e lo illumina a giorno Una meteorite gigante illumina il cielo  a giorno. Incredibile ma vero. "In un primo momento, non riuscivo a capire cosa stava succedendo. C'era una luminescenza improvvisa quasi come fosse giorno". Così racconta una delle tante testimoni,   Olga Sagalakova . "Abbiamo seguito la luce con lo sguardo e proprio sopra la  montagna vicino a noi ... c'era enorme meteora che volava. La meteora aveva una coda. Francamente, ero spaventata. Ho pensato che fosse una bomba ". Panico paura e stupore per questo evento straordinario Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*