Tragedia a Prata Camportaccio COMMENTA  

Tragedia a Prata Camportaccio COMMENTA  

I medici del 118 sono giunti sul posto in pochi istanti, ma, purtroppo, l’uomo era già  morto.  Lo scontro è stato violento fra un’auto e un camion sulla strada statale a Prata Camportaccio, località vicino a Chiavenna.

Leggi anche: Vuole uccidere il suo bambino, padre si schianta a 120 Km/h

Ad avere la peggio è stato un luganese di 45 anni che circolava con la sua vettura in direzione del lago di Como. L’incidente con il mezzo pesante, guidato da un 56.enne del milanese, è avvenuto lungo un rettilineo, poi i veicoli sono finiti fuori strada. La cause andranno stabilite dall’inchiesta di polizia.

Leggi anche: Una gt3 rs marchiata Renault Sport!

Il 45.enne ha riportato fratture alle gambe e un trauma toracico da valutare. È stato trasportato in elicottero all’ospedale di Sondalo e attualmente è in prognosi riservata.

Ferite più lievi per il camionista. E’ morta anche una donna in un altro incidente nella zona boscosa di  Prata Camportaccio,  era in auto dalle parti di Stovano, quando il mezzo, guidato dal marito è uscito di strada ed è finito nel bosco sottostante la strada.

L'articolo prosegue subito dopo

La macchina ha urtato una prima gli alberi ma ha proseguito la discesa per altri dodici metri prima di fermarsi.

Leggi anche

martello
Torino

Tragedia a Torino: uccide la moglie con un martello prima di impiccarsi

Un uomo di 69 anni ha ucciso la moglie 72enne con un martello, poi si è suicidato. All'origine del gesto, un debito contratto all'insaputa della famiglia. Un cruento omicidio-suicidio scaturito da un dramma della povertà: è quanto avvenuto, con ogni probabilità nella notte tra il 20 e il 21 ottobre, a Torino, nel quartiere Santa Rita. Le vittime sono Natalina Montanaro, 72 anni, e Francesco Tonda, 69, che vivevano da soli in un appartamento in Corso Orbassano 376: a scoprire i cadaveri, nelle prime ore della mattinata, il figlio della coppia, allarmato da alcuni SMS inviatigli dal padre. È stato Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*