Tragedia del Vajont: nessun colpevole, è ancora forte polemica COMMENTA  

Tragedia del Vajont: nessun colpevole, è ancora forte polemica COMMENTA  

L’enorme massa d’acqua, valutabile attorno ai 300 milioni di mc, che si sollevò a seguito dell’impatto della frana del monte Toc provocò, purtroppo, molte più vittime che feriti.

Il loro numero superò, anche se di poco, le 1900 unità (1909 secondo fonti attendibili).
L’ 80% delle vittime si registrò lungo la valle del Piave, tra il centro di Longarone, capoluogo di Comune, praticamente distrutto, e le frazioni vicine di Rivalta, Pirago, Faè e Villanova (1450 morti). Un po’ più a monte, nel Comune di Castellavazzo, si registrarono 109 vittime; Codissago fu il paese più colpito.

Nella Valle del Vajont i due centri di Erto e Casso furono risparmiati dalla furia delle acque, ma non così le frazioni vicine (158 morti a Frasègn, Le Spesse, Cristo, Pineda, Ceva, Prada, Marzana e San Martino).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*