Tragedia in Sicilia, settantottenne ucciso a colpi di piccone COMMENTA  

Tragedia in Sicilia, settantottenne ucciso a colpi di piccone COMMENTA  

Tragedia in Sicilia, nei pressi di Palermo: uomo di 78 anni rimasto ucciso a causa di una picconata

Drammatica vicenda di cronaca nera accaduta in Sicilia, nei pressi del capoluogo della regione sicula, Palermo: un pensionato di 78 anni è stato ucciso dal cognato di 79 anni, i motivi e le modalità dell’omicidio ancora non sono chiare e sono al vaglio degli investigatori.

Leggi anche: Festival di Berlino: i primi titoli

L’uomo di 78 anni rimasto ucciso si chiama Vincenzo Guercio, mentre l’assalitore è Andrea Patti, ed è stato fermato da poco per l’omicidio volontario del cognato. L’uomo è morto poche ore dopo il suo trasporto in ospedale a causa di un trauma cranico dovuto ad un colpo di piccone sulla testa, le sue condizioni erano a dir poco critiche e per i medici non c’è stato nulla da fare. Seguono aggiornamenti sulla vicenda dell’omicidio qual’ora ce ne fossero.

Leggi anche: Tre terremoti consecutivi nello Stretto di Messina, ponte sicuro o opera rischiosa?

Leggi anche

messaggio_ricevuto
News

3 Dicembre 1992: 23 anni fa il primo sms della storia

Oggi si celebra il 23° “compleanno” degli sms. Infatti 23 anni fa, il 3 Dicembre 1992, veniva inviato il 1° messaggio della storia: “Merry Chrismas”, un auguro per il Natale ormai non troppo lontano. Lo spediva ad un collega un ingegnere inglese di nome Neil Papworth, che lavorava alla Vodafone. Ma non era ancora possibile inviarlo da un telefonino all’altro, così Papworth dovette usare il proprio personal computer. Si dovette attendere ancora un anno per fare altrimenti: lo fece un ragazzo finlandese, Riku Pihkonen, che era impegnato in uno stage alla Nokia. Il successo mondiale degli sms, in particolare tra gli adolescenti, si ebbe Leggi tutto

1 Trackback & Pingback

  1. Tragedia in Sicilia, settantottenne ucciso a colpi di piccone | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*