Tragedia migranti: 17 cadaveri nel Canale di Sicilia

News

Tragedia migranti: 17 cadaveri nel Canale di Sicilia

Il flusso di migranti verso le coste italiane prosegue senza sosta e, con esso, si consuma l’ennesima tragedia di quest’anno.

Gli uomini della Marina Militare hanno infatti recuperato ieri, nel Canale di Sicilia, i corpi senza vita di 17 persone annegate nel tentativo di raggiungere l’Europa.

22 sono le operazioni portate a termine solo nelle ultime ore dalle forze italiane coordinate dal Centro Nazionale della Guardia Costiera: le più recenti sono quella della nave “Fenice” che ha portato aiuto a 217 profughi che si trovavano su gommoni alla deriva al largo della costa siciliana e quella della “Bersagliere” che ha prestato soccorso a un altro gommone a sud dell’isola di Lampedusa.

Si parla in tutto di oltre 4000 migranti messi in salvo, mentre alcune operazioni sono tuttora in corso.

A fianco delle unità italiane della Guardia Costiera, della Marina Militare e della Guardia di Finanza, sono all’opera anche i rinforzi forniti dalla Marina Militare tedesca e irlandese, oltre all’intero sistema Triton.

L’attività in corso è intensa e l’impegno imponente.

Ieri ad Augusta lo sbarco di 234 migranti. Atteso invece per oggi lo sbarco a Palermo di una nave militare irlandese con a bordo 410 migranti soccorsi nelle ultime ore.

In piena operatività task force di coordinamento e centri di accoglienza siciliani.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche