Trani, la città lascia imbrattare i muri in Piazza Duomo COMMENTA  

Trani, la città lascia imbrattare i muri in Piazza Duomo COMMENTA  

In Piazza Duomo tornano i vandali, e senza rispetto per la loro bella città macchiano le mura della sua storia. Con le solite scritte, le solite dediche di amori che presto svaniranno. Ma le scritte oggi restano e offendono rispetto e civiltà. Colpevoli di ineducazione e  superficialità perché probabilmente gli autori della scritta ignorano che la costruzione imbrattata è definita la Regina delle Cattedrali di Puglia e che venne edificata in nome di un diciottenne greco. Così ieri mattina la Piazza si è presentata imbrattata con scritte di ogni tipo.


Con ogni probabilità la bravata risale a sabato notte. Da ieri un muretto all’ingresso della Basilica mostra lo scempio colorato di blu, arancio, rosso e nero.  

Non è certo la prima volta che gli spray danneggiano la città, ma l’esperienza ha insegnato agli autori che il gesto rimane impunito. Ovviamente sarebbe opportuno che gli artefici delle scritte tornassero  sui loro passi e rimuovessero con olio di gomito le dediche. 

Intanto, se il dietrofront non dovesse esserci, la Polizia locale, grazie alle telecamere di videosorveglianza apposte sul Museo,  provvederà già da oggi a smascherare i ragazzi con il recupero delle immagini.


 Si prevede anche  una prova grafologica eseguita dal Commissariato di Polizia di Trani, laddove non si riuscissero a identificare i responsabili con le immagini video.


Non resta che ripulire l’obrorio e sperperare gli atteggiamenti di disaffezione ai beni cittadini.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*