Trasparenza, Provincia di Cuneo prima a livello nazionale

Attualità

Trasparenza, Provincia di Cuneo prima a livello nazionale

Cuneo – “Lo avevamo scritto a chiare lettere nel programma elettorale: ‘la Provincia sarà una casa di vetro’. Abbiamo semplicemente mantenuto la parola data ai cittadini. Con il ricorso alle migliori tecnologie e prassi a livello nazionale”.


Così, Gianna Gancia, presidente della Provincia di Cuneo, commenta i risultati certificati dal sito internet MagellanoPA: si tratta di un motore di ricerca, creato e promosso dal dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che in modo oggettivo ed autonomo verifica il grado di trasparenza on-line di tutte le pubbliche amministrazioni italiane. Migliaia di siti, continuamente processati e scandagliati per verificarne il livello di ottemperanza a standard prefissati, ovvero a 43 precisi obiettivi definiti da linee guida per il web emanate nel 2011. Dalla presenza dell’indirizzo Pec (posta elettronica certificata) alla pubblicazione del piano dei lavori pubblici piuttosto che dell’organigramma gestionale, dai dati sull’assenteismo a quelli su amministratori e società partecipate: una rete di 43 criteri e parametri imposti a migliaia di enti e istituzioni.

La Provincia di Cuneo rispetta del tutto i 43 criteri, con una performance del cento per cento. Un risultato in comune ad altre 5 Province e a 31 Comuni su scala nazionale. Dato ancor più lusinghiero se si tiene conto che MagellanoPA motinora in modo continuo ed autonomo ben 8.208 siti internet della Pubblica Amministrazione. Meglio di tutti i siti governativi, di tutti quelli regionali, degli enti di ricerca o previdenziali, settori nei quali nessun soggetto raggiunge una performance del cento per cento.

“Internet non è il futuro: è il presente – commenta la presidente Gancia – Per questo sono particolarmente orgogliosa di risultati che ancora una volta premiano l’impegno dell’Ente. Sottolineo che il raggiungimento di questi obiettivi della giunta è stato fatto con il ricorso alle risorse umane interne, non a consulenze: motivo per più per ringraziare tutti i servizi che, insieme al settore informatico, sono stati coinvolti in questa partita stimolante”.

Alla Provincia di Cuneo l’anno scorso era stato attribuito il primo premio nel concorso nazionale “La carta da abolire” per via dei risultati raggiunti sul fronte della dematerializzazione: “Procedure innovative – sintetizza la presidente Gancia – che in tre anni hanno consentito di risparmiare nove tonnellate di carta e 23 alberi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...