Trasporti taxi “per lei” COMMENTA  

Trasporti taxi “per lei” COMMENTA  

afp169144000710174647_big

In Gran Bretagna sono un’istituzione su cui le donne, soprattutto la sera, possono contare per evitare di incorrere in brutte avventure: sono i “taxi rosa”, vetture pubbliche guidate da donne per le donne, di notte e nei giorni festivi. Dovevano essere una rivoluzione anche in Italia, con servizi a Milano, Firenze, Mestre, Bologna e Bolzano, ma a cinque anni dalle prime corse il bilancio è piuttosto magro: tra iniziative private sponsorizzate da aziende e quelle patrocinate dai Comuni, fino alle cooperative di sole donne o alle tariffe ribassate, ad oggi risulta attivo solo il servizio “Per lei” della cooperativa di taxi romana 3570: basta aggiungere la cifra 1 al numero da chiamare dall’una alle cinque del mattino per usufruire del servizio ad hoc.


Le ragioni di un flop? La mancanza di fondi, ritirati ben presto dalle istituzioni che avevano finanziato inizialmente questi servizi, e anche dalla disparità dell’offerta che, tra voucher, sconti e taxi card, non ha permesso alle donne di fidelizzarsi a queste iniziative.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*