Tre indagati nell’inchiesta sugli Appalti

Torino

Tre indagati nell’inchiesta sugli Appalti

Mauro Fegatelli, Domenico Petruzzelli e Massimo Fantini sono ufficialmente indagati nell’inchiesta condotta dalla Procura di Torino sugli appalti. Il direttore tecnico della società di committenza regionale Scr Piemonte Spa, il dirigente Anas del compartimento Calabria e quello di Co.Ge.Fa. Spa, sono stati raggiunti da provvedimenti interdittivi nell’ambito del procedimento aperto dalla Procura di Torino sui lavori pubblici gestiti dalla Provincia e da Scr Piemonte Spa. Dopo due anni di indagini, il caso relativo al bando di concorso indetto dalla società Scr per la progettazione e la realizzazione delle opere della variante esterna all’abitato di Tortona (Al), tra le ex SS 10 “Padana Inferiore”, ex SS 211 “della Lomellina”, SS 35 “dei Giovi” e il collegamento ai caselli autostradali della A21 e della A7, con importo a base d’asta di oltre 29 milioni di euro, sembra avere finalmente dei colpevoli. Secondo le ricerche Fegatelli avrebbe causato una “turbativa d’asta”, manipolandola, per favorire l’aggiudicazione all’azienda Cogefa.

A quanto pare anche la commissione che avrebbe dovuto valutare l’importo che la Provincia di Torino avrebbe dovuto riconoscere all’Ati Codelfa-Cogefa, incaricata della realizzazione delle circonvallazioni di Venaria Reale (To) e Borgaro Torinese, lavori per i quali l’Ati aveva presentato riserva per circa 24 milioni di euro, sarebbe stata condizionata. Le indagini, fondate anche su intercettazioni telefoniche, hanno portato a queste conclusioni. La commissione avrebbe favorito gli interessi delle società che avevano presentato le riserve. Il GIP (giudice per le indagini preliminari) ha ritenuto valida la ricostruzione della procura e ha disposto il divieto di esercitare attività professionali e imprenditoriali e la misura cautelare del divieto di contrattare con la pubblica amministrazione a Fantini, mentre ha applicato la misura della sospensione dell’esercizio di un pubblico ufficio a Fegatelli e a Petruzzelli.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...